giovedì 23 febbraio | 11:03
pubblicato il 11/nov/2013 17:01

Carceri: Pd, no ai tagli al personale penitenziario

(ASCA) - Roma, 11 nov - ''I tagli del personale dell'amministrazione penitenziaria rischiano di acuire le sofferenze di un sistema gia' al collasso e che ripetutamente e' stato dichiarato a rischio di trattamenti disumani e degradanti''. Lo afferma Sandro Favi, responsabile carceri Pd.

''La piaga dei suicidi in carcere, come quella delle altre emergenze quotidiane, non possono tollerare lo smantellamento di presidi essenziali per la sicurezza e per la cura e il sostegno alle persone detenute. Il governo e il parlamento intervengano affinche' questo settore non venga privato di professionalita' essenziali. La mancanza di dirigenti, operatori dell'area rieducativa e sociale, di agenti della polizia penitenziaria, puo' pregiudicare gli interventi legislativi gia' avviati e quelli che verranno approntati nelle prossime settimane per contrastare il sovraffollamento e per rilanciare la funzione di reinserimento delle pene'', conclude Favi.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech