sabato 25 febbraio | 03:03
pubblicato il 26/mar/2014 16:32

Carceri: Pannella, Italia sia giudicata dalla Corte dell'Aja

(ASCA) - Roma, 26 mar 2014 - ''La condizione tecnicamente criminale della partitocrazia e del regime italiani e' tale che dobbiamo riuscire a far si' che se ne occupi la Corte Penale Internazionale. Siamo il Paese (in Europa) piu' esposto all'ignominia e all'infamia della disfunzione del diritto della giustizia. La realta' della democrazia reale italiana e' tale che i suoi comportamenti criminali vanno giudicati non da Norimberga, ma dalla Corte dell'Aja, in particolare l'Italia di questo simpatico giovanotto (l'Italia del governo di Matteo Renzi, n.d.r.)''. Lo ha detto a Radio Radicale Marco Pannella.

''Dobbiamo far si' che lo Stato italiano sia imputato per le sue tremende responsabilita' formalmente e condannato all'Aja, per difendere cosi' i diritti umani nel mondo, i diritti umani in Italia e lo stato di diritto, e cosi' uscire da uno stato che si comporta come associazione per delinquere'', conclude Pannella.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech