lunedì 05 dicembre | 17:32
pubblicato il 06/feb/2013 12:50

Carceri: Napolitano, situazione insostenibile, miei appelli a vuoto

Carceri: Napolitano, situazione insostenibile, miei appelli a vuoto

(ASCA) - Milano, 6 feb - Nel corso del suo mandato al Quirinale ha ''piu' volte e anche molto di recente, colto ogni occasione per denunciare l'insostenibilita' delle condizioni delle carceri e di coloro che vi sono rinchiusi'', anche se ''questi appelli, come altri, sono caduti nel vuoto''. A denunciarlo e' il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che ha preso la parola durante la sua visita al carcere milanese di San Vittore. Una mossa obbligata, per il capo dello Stato, prima di concludere il suo settennato al Quirinale: ''Ho pensato di dovere, accogliendo l'invito che mi e' stato rivolto a visitare San vittore, levare nuovamente la mia voce dopo che sul tema e' intervenuta la Corte europea per i diritti dell'uomo con una condanna mortificante per l'Italia''. Napolitano ha citato criticita' come ''il sovraffollamento degli istituti, le condizioni di vita degradanti che ne conseguono, i numerosi episodi di violenza e di autolesionismo, sintomo di una inaccettabile sofferenza esistenziale, le condotte di inquieta insofferenza o di triste indifferenza sempre piu' diffuse tra i reclusi''. Tutti elementi che derivano dalla ''mancata attuazione delle regole penitenziarie europee'' e che percio', a giudizio del presidente della Repubblica, ''confermano la perdurante incapacita' del nostro Stato a realizzare un sistema rispettoso del dettato dell'articolo 27 della Costituzione sulla funzione rieducativa della pena e sul senso di umanita' cui debbono corrispondere i relativi trattamenti''. Le forze politiche impegnate nella campagna elettorale non possono non tener presente l'emergenza carceraria determinata dal sovraffolamento delle strutture penitenziarie italiane. L'emergenza carceri ''e l'impegno inderogabile che ne discende - ha evidenziato il Capo delo Stato - debbono essere ben presenti a tutte le forze politiche e ai cittadini elettori anche nel momento in cui il nostro popolo e' chiamato a eleggere un nuovo Palamento''. Napolitano si e' detto ''certo'' che ''nessuna parte vorra', anche in questo momento, negare la gravita' e urgenza dell'attuale realta' carceriara nel nostro paese''. Napolitano si e' soffermato sulla necessita' di assicurare uno ''spazio vitale del detenuto'' che a suo giudizio ''non e' oggi garantito nella nostra situazione penitenziaria''. Una svolta e' necessaria, secondo il Capo dello Stato, perche' ''sono in gioco il prestigio e l'onore dell'Italia''. Infine, da Napolitano un appello al prossimo Presidente della Repubblica: ''Confido che la mia testimonianza e le mie parole di oggi possano essere raccolte da chi mi succedera' nelle funzioni di Capo dello Stato e da tutte le istituzioni rappresentative, a cominciare dal Parlamento che sta per essere eletto''. red/int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari