domenica 04 dicembre | 07:25
pubblicato il 25/gen/2014 12:53

Carceri: Maroni, indulto sbagliato, non rimettere in liberta' delinquent

Carceri: Maroni, indulto sbagliato, non rimettere in liberta' delinquent

(ASCA) - Milano, 25 gen 2014 - L'indulto ''e' sbagliato'' perche' per risolvere l'emergenza carceri in Italia ''tutto si puo' fare tranne che rimettere in liberta' i delinquenti''.

Cosi' il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, ribadisce la contrarieta' Lega Nord nei confronti delle misure contenute nel cosiddetto decreto 'svuotacarceri'. Il problema, secondo Maroni, e' che ''con quest'indulto escono anche i mafiosi, addirittura quelli al 41 bis. Questa e' una preoccupazione fortissima che ho da ex Ministro dell'Interno ma anche da cittadino. Se e' cosi' il Governo deve assolutamente fermarsi e il Parlamento deve bloccare questo provvedimento''.

Maroni chiede inoltre di ''rendere piu' efficace le procedure di espulsione'' per i cittadini extracomunitari.

''E' il governo - ha sottolineato - che deve fare molto in questa direzione per alleviare il peso nelle carceri''. fcz/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari