sabato 25 febbraio | 22:24
pubblicato il 15/giu/2013 12:00

Carceri/ M5S: Da governo larghe intese bancarotta della giustizia

"Razionalizzare spazi, rivedere leggi Bossi-Fini e Giovanardi"

Carceri/ M5S: Da governo larghe intese bancarotta della giustizia

Roma, 15 giu. (askanews) - "L'ultima scoperta dal governo Letta è il sovraffollamento delle carceri - che dura almeno da un decennio - tanto da dedicarci un decreto. E come Letta e il Governo delle 'larghe intese' risolvono il problema? Semplice, per superare l'emergenza basta buttare fuori un bel po' di reclusi. Punto. E' sufficiente leggere le indiscrezioni sul testo di legge che verrà presentato dal Consiglio dei Ministri: la detenzione domiciliare potrà applicarsi anche a condannati a pene fino a 6 anni". E' quanto si legge in un posto pubblicato sul blog di Beppe Grillo ma firmato commissione Giustizia M5S Camera. Titolo della nota: "La bancarotta della giustizia italiana". I deputati stellati che si occupano del tema ricordano che "corruzione, frode fiscale, falso in bilancio, truffe, abuso d'ufficio, inquinamento, frodi comunitarie, hanno pene massime tra i 3 e i 6 anni (ma nella pratica, nessuno si becca più di 3 anni). Inoltre, che c'entra con l'affollamento delle carceri la sospensione della pena per chi è agli arresti domiciliari e deve scontare una pena residua di 4 anni? E perché, oltre alle detrazioni della buona condotta, per coloro che devono espiare la pena per altri 3 anni si prevede uno sconto di pena ovvero la liberazione anticipata? E la famosa certezza della pena?". "Eppure - si legge nella nota dei parlamentari del Movimento 5 stelle - basterebbe un po' di impegno. Ad esempio una razionalizzazione degli spazi degli istituti penitenziari, per trovare un posto dignitoso per tutti invece di costruire nuove imponenti carceri, con la soddisfazione dei soliti palazzinari. Predisporre interventi ordinari e straordinari per gli istituti esistenti con l'apertura di ali chiuse in quanto fatiscenti. Basterebbe rivedere i capolavori normativi di tre dei principali artefici del sovraffollamento carcerario: Bossi, Fini e Giovanardi. Basterebbe predisporre seri programmi di lavoro dentro il carcere perché - è noto da tutte le statistiche - nessun recluso ha il piacere di tornare in galera se ha qualcosa di lecito da fare fuori. E se non ce l'ha, torna a delinquere. Ed è questo ciò che il MoVimento 5 Stelle propone in Parlamento, denunciando il mercimonio sulla pelle dei detenuti. Una autentica bancarotta della giustizia". "Ps: Fra coloro che possono essere condannati a 6 anni di reclusione - conclude il post dei deputati M5S - ci sono anche gli accusati di associazione mafiosa: ai domiciliari è molto più semplice seguire i business".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech