domenica 26 febbraio | 05:21
pubblicato il 06/ago/2013 15:16

Carceri: Ghedini (Pd), stop presenza madri in condizioni inadeguate

(ASCA) - Roma, 6 ago - ''Attuare in concreto le norme vigenti sulle detenute madri per evitare che bimbi sotto i tre anni siano costretti a vivere in carceri dalle condizioni improponibili e che minori in eta' prescolare vedano le mamme solo negli orari di visita''. E' quanto chiede la senatrice del Pd, Rita Ghedini, al ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, con un'interrogazione sottoscritta dai senatori democratici Valeria Fedeli, Silvana Amati, Monica Cirinna', Nerina Dirindin, Maria Grazia Gatti, Miguel Gotor, Sergio Lo Giudice,Donatella Mattesini, Pina Maturani, Pamela Orru', Venera Padua, Giorgio Pagliari, Leana Pigendoli, Francesca Puglisi e Francesco Russo. ''Oggetto del contendere - spiega Rita Ghedini - sono gli 'Icam', ovvero gli 'Istituti a custodia attenuata per detenute madri', istituiti dalla legge 62/11. Questa legge di civilta', culmine di un percorso legislativo iniziato nel '75 per la tutela della maternita' anche in carcere, prevede l'obbligo, in caso di imputate incinte o madri di bimbi di eta' inferiore a 6 anni, di evitare la custodia in carcere ovvero di disporla solo negli 'Icam'. Peccato che, nonostante uno stanziamento di 11,7 milioni di euro previsto per la loro realizzazione, gli 'Icam' non abbiano mai visto la luce, se non nella citta' di Milano in forma sperimentale e in Toscana. Per questo, i tribunali non possono accordare alle imputate con figli piccoli un'alternativa alla custodia cautelare in carcere, dal momento che questa alternativa non esiste e che anche la realizzazione delle case-famiglia protette, previste dalle leggi vigenti, non potendo comportare maggiori oneri per le finanze pubbliche, e' del tutto ipotetica, non potendo gravare sulle finanze gia' esangui degli enti locali. La conseguenza e' che, secondo i dati forniti dal servizio di statistica del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, al 31 dicembre 2012 erano 40 le detenute con figli in istituto, per un totale di 41 bimbi sotto i 3 anni che di fatto vivono in carcere, in condizioni molto diverse a seconda delle regioni e comunque in se' improponibili''. ''Per questi motivi chiedo alla ministra Cancellieri - conclude Rita Ghedini - quale sia lo stato di attuazione della legge 62/11, di fornire dati aggiornati circa la presenza di minori sotto i 3 anni nei penitenziari italiani e circa le loro condizioni di vita, come intenda utilizzare gli 11,7 milioni previsti per la realizzazione degli Icam e se non intenda stipulare con gli enti locali convenzioni per individuare strutture adatte per essere utilizzate come case famiglia protette e con quali tempi''.

com-sgr/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech