lunedì 05 dicembre | 06:03
pubblicato il 19/feb/2014 17:51

Carceri: Ferranti (Pd), Dl importante passo avanti ma investire di piu'

Carceri: Ferranti (Pd), Dl importante passo avanti ma investire di piu'

(ASCA) - Roma, 19 feb 2014 - ''Un altro importante passo avanti verso carceri piu' vivibili e detenzioni piu' dignitose. Il decreto approvato oggi in via definitiva, insieme agli altri interventi strutturali gia' approvati o in via di approvazione (come la messa alla prova e la riforma del cautelare), credo potra' utilmente essere speso in sede europea evitando dopo la sentenza ''Torreggiani' la procedura di infrazione e l'esborso di vari milioni di euro''. E' quanto afferma Donatella Ferranti, presidente della commissione Giustizia alla Camera, sottolineando come l'esame parlamentare ''abbia migliorato il testo governativo, che rappresenta ora un buon punto di equilibrio tra garanzie umanitarie ed esigenze di sicurezza''. ''Non c'e' alcun cedimento - assicura l'esponente del Pd - nei confronti dei delitti gravi e di mafia, nessun indulto mascherato, nessuna liberazione automatica''.

Ferranti sollecita pero' politiche di investimento: ''In questi mesi abbiamo messo a punto un ''pacchetto normativo' che se da un lato ridimensiona la centralita' del carcere come pena ampliando il ricorso a sanzioni alternative dall'altro rende certa ed effettiva la reclusione a condizioni sostenibili, ma il nuovo governo che Matteo Renzi sta formando - dice la presidente della commissione Giustizia - dovra' mettere in campo anche risorse economiche. Servono investimenti oculati per attuare finalmente un deciso piano edilizio secondo moduli e criteri avanzati, servono investimenti per potenziare numericamente e professionalmente l'organico degli educatori, degli psicologi, di tutte quelle figure che operano nei servizi sociali dell'esecuzione penale esterna''. ''E servono investimenti - conclude Ferranti - per ovviare alla cronica carenza di personale che attanaglia gli agenti penitenziari, costretti, come denunciato anche ieri nel carcere di Rebibbia, a turni massacranti e a lavorare in condizioni di assoluta mancanza di sicurezza''.

com-sgr/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari