domenica 22 gennaio | 11:26
pubblicato il 04/mar/2014 11:12

Carceri: dibattito messaggio Napolitano. Ferranti, siamo su buona strada

Carceri: dibattito messaggio Napolitano. Ferranti, siamo su buona strada

(ASCA) - Roma, 4 mar 2014 - L'auspicio e' che si approvi ''entro marzo la riforma della custodia cautelare e il provvedimento su messa alla prova e detenzione domiciliare'' e che ''subito dopo'', ad aprile, il governo fornisca ''un quadro complessivo ed effettivo dell'applicazione dei nuovi interventi normativi posti in essere in questa prima fase di legislatura e dell'incidenza sulle cause del sovraffollamento carcerario''. Cosi' Donatella Ferranti conclude, intervenendo nell'Aula di Montecitorio, la relazione della commissione Giustizia sulle tematiche oggetto del messaggio che il Capo dello Stato ha rivolto al Parlamento lo scorso 7 ottobre. Ferranti passa in rassegna quanto finora messo in campo in risposta alla condanna della Corte europea dei diritti dell'uomo per trattamenti inumani e degradanti, soffermandosi in particolare sul recente decreto legge varato dalle Camere.

Specifica attenzione, peraltro, e' dedicata all'elevato numero di detenuti in attesa di giudizio e all'''impennata'' di presenze di tossicodipendenti e piccoli spacciatori derivata dalla Fini-Giovanardi dichiarata ora incostituzionale dalla Consulta. ''Siamo sicuramente sulla buona strada, con misure strutturali - dice in aula la presidente della commissione Giustizia -in linea anche con i piu' recenti studi empirici secondo i quali per ridurre il rischio di recidiva e l'effetto delle porte girevoli occorre piuttosto puntare su misure alternative alla detenzione. E pero' - avverte l'esponente del Pd - se e' chiaro che il legislatore ha inteso superare l'ottica degli interventi emergenziali, occorre affiancare le misure strutturali con l'attuazione definitiva del piano carceri e recuperare l'intero sistema penitenziario gravemente depauperato in termini di risorse umane ed economiche''.

Quanto a misure straordinarie come amnistia e indulto, la relatrice avverte: ''Senza dubbio rappresentano rimedi di immediato impatto deflattivo, ma implicano da parte del Parlamento e delle forze politiche un'assunzione di responsabilita' politica di cui bisogna essere ben consapevoli''. Sul punto, la relazione della commissione - conclude Ferranti- ''si e' limitata a fornire dati di valutazione'' segnalando che ''i reati per i quali si registra una maggiore presenza in carcere sono, oltre alla produzione e spaccio di stupefacenti, la rapina, il furto, la ricettazione, l'estorsione, la violenza sessuale e l'omicidio''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4