lunedì 27 febbraio | 01:21
pubblicato il 14/ott/2013 20:48

Carceri: Cancellieri, cambiare passo per presentarci all'Ue

(ASCA) - Padova, 14 ott - ''Noi dobbiamo presentarci in Europa a maggio dimostrando che abbiamo cambiato passo''. Lo ha detto, a proposito della situazione delle carceri in Italia, il ministro della giustizia Anna Maria Cancellieri, concludendo a Padova un convegno sui detenuti al lavoro organizzato dalla cooperativa Giotto. Il passo e' da cambiare non solo dal punto di vista delle condizioni in carcere, ma anche per quanto riguarda il lavoro che interessa ''una percentuale minima'', intorno al 3,4% della popolazione che vive dietro le sbarre. Eppure, ha riconosciuto la rappresentante del Governo, ''il lavoro da' dignita' alle persone, permette che si realizzino''. Il problema, come ha osservato Cancellieri, e' anche quello di poter confezionare ''prodotti che possano stare sul mercato'', come quelli presentati a Padova. ''Mi impegno a portare questi modelli anche altrove'' ha concluso il ministro.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech