martedì 21 febbraio | 16:07
pubblicato il 21/dic/2013 11:17

Carceri: Boldrini, no trattamenti degradanti. Fine e' rieducazione

Carceri: Boldrini, no trattamenti degradanti. Fine e' rieducazione

(ASCA) - Roma, 21 dic - ''Il carcere non puo' essere un luogo sovraffollato dove manca il minimo spazio fisico. Non puo' riservare un trattamento disumano e degradante come lo ha definito la Corte Ue per i diritti dell'uomo''. Lo ha affermato la presidente della Camera, Laura Boldrini, nel videomessaggio settimanale pubblicato sul sito di Montecitorio e sul blog della stessa presidente. ''I diritti dei detenuti - ha aggiunto Boldrini - vanno rispettati ma anche perche' e la societa' ha interesse anche per la propria sicurezza a recuperare le persone che hanno sbagliato''.

Insomma, ''dalle celle devono potere uscire a fine pena uomini e donne migliori di quelli che vi sono entrati e cio' accade solo se la detenzione non e' un tempo morto o peggio un abbrutimento, ma e' tempo, come dice la Costituzione, dedicato alla rieducazione'', ha concluso.

brm/vlm/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Guerini: scissione Pd? Credo nei miracoli. Ci stiamo lavorando
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia