lunedì 20 febbraio | 10:05
pubblicato il 06/ago/2013 14:56

Carceri: Berretta, dl passo significativo per ridurre sovraffollamento

(ASCA) - Roma, 6 ago - ''Siamo soddisfatti del lavoro compiuto grazie a un pieno accordo dei gruppi di maggioranza a cui va il ringraziamento del governo, unitamente a quello alla presidente del commissione Giustizia della Camera e relatrice del provvedimento Donatella Ferranti'', lo afferma il sottosegretario alla Giustizia, Giuseppe Berretta, all'indomani dell'approvazione alla Camera del disegno di legge di conversione del DL sull'esecuzione della pena.

''Il testo approvato dalla Camera contiene alcune importanti modifiche che riportano il provvedimento allo spirito originario, che e' quello di incentivare l'utilizzo della detenzione domiciliare e di facilitare la risocializzazione dei condannati attraverso il lavoro'', spiega Berretta.

''Questo decreto legge rappresenta un primo decisivo passo per avere carceri meno affollate, auspichiamo ora una rapida conversione del testo anche al Senato'', ha aggiunto.

''Il provvedimento approvato - ha spiegato Berretta - rappresenta un punto di equilibrio tra le esigenze di tutela della collettivita' e l'obiettivo del reinserimento sociale delle persone che hanno commesso reati - sottolinea Berretta - in questa direzione abbiamo individuato l'attivita' lavorativa come strumento principale di rieducazione, consapevoli del fatto che la recidiva si attesta al 70/90 per cento per i detenuti che non svolgono attivita' lavorativa e scende all'1/2 per cento per quanti iniziano percorsi di inserimento lavorativo. Molto significativo e' anche l'ampliamento delle possibilita' di utilizzare, a titolo volontario e gratuito, i detenuti in lavori di pubblica utilita'''. ''Inoltre, dopo il passaggio a Montecitorio viene mantenuto il limite massimo della pena a 5 anni per il ricorso alla custodia cautelare in carcere con l'esclusione del delitto di finanziamento illecito dei partiti - ha aggiunto Berretta - e inoltre e' stata innalzata a 5 anni la pena prevista per il reato di stalking, in modo che lo stesso rientri tra quelli per i quali e' applicabile la custodia cautelare in carcere''. ''Con questa modifica - aggiunge il sottosegretario - e' stata fatta salva l'efficacia del decreto per limitare il sovraffollamento delle carceri ed allo stesso tempo si e' risposto esigenza di tutela delle vittime di un reato particolarmente odioso come la persecuzione''.

''Nel testo passato alla Camera, infine, figura anche il ripristino del testo originale del decreto nella parte in cui eliminava i divieti introdotti dalla legge cosiddetta ex Cirielli sull'applicabilita' di alcuni benefici per i recidivi, la cui concessione rimane comunque sottoposta al vaglio del magistrato di sorveglianza'', ha concluso il sottosegretario.

Com-brm/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia