lunedì 23 gennaio | 13:42
pubblicato il 08/ago/2013 13:02

Carceri: Barani, Gal vota si' ma testo poteva essere migliore

Carceri: Barani, Gal vota si' ma testo poteva essere migliore

(ASCA) - Roma, 8 ago - ''Noi del gruppo Grandi Autonomie e Liberta' daremo il nostro voto favorevole al decreto svuotacarceri perche' lo riteniamo necessario e realmente urgente visto lo stato pietoso in cui versano i penitenziari italiani e di conseguenza i detenuti; ma non lo facciamo con grande entusiasmo perche' si poteva fare di piu' e si poteva fare meglio. Sicuramente l'aver reintrodotto agevolazioni per i reati continuativi specifici recidivi non e' stato un buon servizio''. Cosi' il senatore del gruppo Grandi Autonomie e Liberta', Lucio Barani, durante le dichiarazioni di voto al decreto cosiddetto 'svuotacarceri'. ''Quello che vogliamo sottolineare - ha detto ancora Barani dopo le polemiche suscitate dal suo emendamento, approvato dal Senato e poi cambiato dalla Camera, che fissava il tetto massimo della pena perche' si potesse procedere con la custodia cautelate in carcere a 5 anni, dai 4 attualmente previsti - e' che la Camera ha fatto due grandi modifiche: quella di aver aumentato la pena per il reato di stalking da 4 a 5 anni e quello di aver reintrodotto la detenzione preventiva per il reato di finanziamento illecito ai partiti.

Per il primo, quello dello stalking, mi sentivo responsabile, visto che e' stato un mio emendamento garantista che aveva portato da 4 a 5 anni il tetto massimo della pena per i reati per cui non si poteva chiedere la carcerazione preventiva.

Avendo letto su tutti i giornali quello che stava succedendo, che si potevano mettere in liberta' decine e centinaia di persone, che avevano commesso questo reato, sebbene non ancora condannate neanche in primo grado, mi sono permesso di andare a visitare i 200 carceri italiani per vedere quanti erano gli accusati per questo reato che sarebbero usciti. E' venuto fuori, come confermato anche dal governo, che in carcere per stalking non c'e' nessuno. Quindi la Camera in maniera urgente ha cambiato un testo su uno specifico reato quando per esso in carcere non c'era nessuno, per uno zero assoluto. Stessa storia per il finanziamento illecito ai partiti. E perche' allora la Camera l'ha cambiato? Perche' sono intervenuti i giornali, certi giornali e certi opinion leader da questi ben retribuiti che costituiscono uno strumento di potere talmente forte da dettare legge e scrivere le sentenze e ne abbiamo una lapalissiana conferma stando a quello che e' successo in questi giorni e che ieri la senatrice Mussolini ha voluto ripetere qui''. com-ceg/red/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4