domenica 11 dicembre | 05:09
pubblicato il 08/ago/2013 13:02

Carceri: Barani, Gal vota si' ma testo poteva essere migliore

Carceri: Barani, Gal vota si' ma testo poteva essere migliore

(ASCA) - Roma, 8 ago - ''Noi del gruppo Grandi Autonomie e Liberta' daremo il nostro voto favorevole al decreto svuotacarceri perche' lo riteniamo necessario e realmente urgente visto lo stato pietoso in cui versano i penitenziari italiani e di conseguenza i detenuti; ma non lo facciamo con grande entusiasmo perche' si poteva fare di piu' e si poteva fare meglio. Sicuramente l'aver reintrodotto agevolazioni per i reati continuativi specifici recidivi non e' stato un buon servizio''. Cosi' il senatore del gruppo Grandi Autonomie e Liberta', Lucio Barani, durante le dichiarazioni di voto al decreto cosiddetto 'svuotacarceri'. ''Quello che vogliamo sottolineare - ha detto ancora Barani dopo le polemiche suscitate dal suo emendamento, approvato dal Senato e poi cambiato dalla Camera, che fissava il tetto massimo della pena perche' si potesse procedere con la custodia cautelate in carcere a 5 anni, dai 4 attualmente previsti - e' che la Camera ha fatto due grandi modifiche: quella di aver aumentato la pena per il reato di stalking da 4 a 5 anni e quello di aver reintrodotto la detenzione preventiva per il reato di finanziamento illecito ai partiti.

Per il primo, quello dello stalking, mi sentivo responsabile, visto che e' stato un mio emendamento garantista che aveva portato da 4 a 5 anni il tetto massimo della pena per i reati per cui non si poteva chiedere la carcerazione preventiva.

Avendo letto su tutti i giornali quello che stava succedendo, che si potevano mettere in liberta' decine e centinaia di persone, che avevano commesso questo reato, sebbene non ancora condannate neanche in primo grado, mi sono permesso di andare a visitare i 200 carceri italiani per vedere quanti erano gli accusati per questo reato che sarebbero usciti. E' venuto fuori, come confermato anche dal governo, che in carcere per stalking non c'e' nessuno. Quindi la Camera in maniera urgente ha cambiato un testo su uno specifico reato quando per esso in carcere non c'era nessuno, per uno zero assoluto. Stessa storia per il finanziamento illecito ai partiti. E perche' allora la Camera l'ha cambiato? Perche' sono intervenuti i giornali, certi giornali e certi opinion leader da questi ben retribuiti che costituiscono uno strumento di potere talmente forte da dettare legge e scrivere le sentenze e ne abbiamo una lapalissiana conferma stando a quello che e' successo in questi giorni e che ieri la senatrice Mussolini ha voluto ripetere qui''. com-ceg/red/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina