venerdì 20 gennaio | 19:38
pubblicato il 20/dic/2013 18:27

Carceri: Anm, da decreto governo risposte solo parziali

(ASCA) - Roma, 20 dic - ''Le misure proposte offrono solo parziale risposta all'attuale critica condizione delle carceri, sicche' resta ferma la necessita' degli ulteriori interventi strutturali gia' indicati dall'Anm, che dovrebbero toccare anche la quantita' delle strutture detentive e la qualita' del trattamento''. E' quanto si legge in una nota dell'Associazione nazionale magistrati.

''Quanto alla liberazione anticipata speciale, che, con effetto retroattivo al gennaio 2010, aumenta a 75 giorni la misura della riduzione di pena per ogni semestre di espiazione, previa valutazione di meritevolezza da parte del magistrato di sorveglianza, si tratta di intervento che puo' trovare giustificazione solo in via transitoria - cosi' come previsto - alla luce della straordinaria gravita' della situazione carceraria'', aggiunge l'Anm.

''Quanto alle misure incidenti sulla fase dell'esecuzione penale, considerata la situazione di emergenza in cui versano le carceri, le proposte vanno incontro alle indicazioni che provengono dall'Europa e, almeno in parte, ai suggerimenti dell'Anm: cosi', ad esempio, l'ampliamento dei casi di espulsione dei detenuti non appartenenti alla UE e la trasformazione delle ipotesi di spaccio lieve in fattispecie autonoma di reato'', prosegue la nota.

''Parere positivo - aggiunge l'Anm - va espresso anche sulla trasformazione in misura permanente della detenzione domiciliare negli ultimi 18 mesi di espiazione, previsione gia' introdotta in via transitoria dalla legge 199/2010, e sull'ampliamento dei poteri del magistrato di sorveglianza (rafforzamento del reclamo in materia disciplinare, attribuzione allo stesso magistrato di sorveglianza del giudizio di ottemperanza, potere del magistrato di applicare in via provvisoria l'affidamento in prova, di cui si prevede, fra l'altro, l'estensione a quattro anni). Peraltro, a fronte delle accresciute competenze della magistratura di sorveglianza, dovra' porsi il problema dell'incremento delle relative risorse. Corretto e', inoltre, l'intervento diretto da un lato a semplificare la procedura dinanzi al magistrato di sorveglianza (procedimenti in camera di consiglio in materia, ad esempio, di remissione del debito, rateizzazione e conversione delle pene pecuniarie), dall'altro ad ampliare, viceversa, i suoi poteri di intervento in materia di tutela dei diritti delle persone detenute. Apprezzabile anche l'istituzione del Garante dei detenuti''.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4