giovedì 08 dicembre | 11:07
pubblicato il 28/nov/2014 19:53

Caos primarie in Puglia, Vendola-Emiliano alla resa dei conti

Governatore centrosinistra non esiste più. Candidato: parliamoci

Caos primarie in Puglia, Vendola-Emiliano alla resa dei conti

Bari, 28 nov. (askanews) - La coalizione di centrosinistra in Puglia non esiste più. Rotta, svanita, evaporata. Come le primarie che si celebreranno domenica prossima? Forse. Perché a due giorni dall'allestimento dei gazebo, il governatore Nichi Vendola non ce la fa proprio a mandare giù quella che definisce l'ennesima bordata di Michele Emiliano. E oggi, ha sfogato la sua rabbia e delusione al termine di un vertice di maggioranza che Emiliano in veste di segretario regionale del Pd, ha disertato.

"La coalizione non esiste più", è il colpo sferrato da Vendola. E non ci vanno leggeri nemmeno il capogruppo e il segretario regionale di Sel, Michele Losappio e Gano Cataldo. "A questo punto le primarie sono da considerarsi inutili. A meno che nelle prossime ore non ci sia un chiarimento tra Sel e il segretario del Pd", hanno tuonato. Quindi primarie saltate? "A Nichi dico: incontriamoci domani mattina e chiariamo tutto con senso di responsabilità. Io ci sono", è il tweet con cui Emiliano ha risposto a Vendola. E che dovrebbe riportare la pace in un finale di campagna elettorale piuttosto infuocato. A scatenare il marasma è stato l'accordo che Emiliano ha siglato con l'Udc che nelle elezioni che nel marzo prossimo decideranno chi guiderà la Puglia, comparirà tra le forze del centrosinistra. Sostegno mal digerito da Sel e che è valso l'accusa a Emiliano di voler spaccare il centrosinistra pugliese.

"Strano che mi sia diano colpe, è stato proprio Vendola a chiedermi lo scorso novembre di ottenere i voti dell'Udc necessari per approvare la variazione di bilancio e lo ha fatto davanti a tutti i partiti", ha ricordato Emiliano. "Sono davvero turbato della tua tentazione costante di trascinare la lotta politica dentro una voragine di insinuazioni, di allusioni e, persino, di bugie, capaci di generare veleni", ha scritto il Governatore in una lettera inviata all'ex sindaco di Bari.

"Prendiamo atto - ha scritto- di una crisi profonda che mette in discussione l'esistenza della coalizione di centrosinistra in Puglia. Credo che sia stato violato un vincolo fondamentale di solidarietà di lealtà e di rispetto della verità. Il mio ufficio non è mai stato un mercatino per scambi di alcun genere, credo che il centrosinistra abbia bisogno di una fisionomia, limpida, di non essere l'area dei trasformisti e dei riciclati".

"Sono profondamente dispiaciuto che Vendola e Sel si siano sfilati dalle primarie e dalla coalizione. Comprendo le motivazioni: siamo stati i primi a denunciare il rischio di snaturamento del centrosinistra a causa della spregiudicatezza di Michele Emiliano. Tuttavia non condividiamo la decisione. Per noi le primarie continuano perché il centrosinistra non è fatto soltanto dai partiti e non è solo una vicenda tra il Pd e Sel", è stato il commento di Guglielmo Minervini candidato alle primarie assieme a Emiliano e Stèfano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni