mercoledì 22 febbraio | 15:12
pubblicato il 21/dic/2015 19:11

Caos Fi, Cav chiede tregua. Brunetta-Romani: lavoriamo uniti

Nota congiunta dei capigruppo: stop polemiche. Ma resta malessere

Caos Fi, Cav chiede tregua. Brunetta-Romani: lavoriamo uniti

Roma, 21 dic. (askanews) - La notizia di oggi in Forza Italia sta tutta in un comunicato stampa. Nel contenuto, certo, ma ancora prima nei due nomi dei firmatari: Renato Brunetta e Paolo Romani. Dopo giorni di scontri plateali, di inviti reciproci più o meno espliciti a farsi da parte, i due capigruppo vergano una nota in cui si impegnano stoppare le polemiche ed esortano a lavorare, tutti insieme, per il partito.

D'altra parte lo stato di caos tra gli azzurri negli ultimi tempi aveva superato il livello di guardia. E l'opa lanciata ieri esplicitamente da Denis Verdini, che si è detto sicuro di raddoppiare il suo gruppo nel giro di un mese, un mese e mezzo, ha spinto Silvio Berlusconi a chiedere una tregua.

E infatti, si sono moltiplicati in giornata gli appelli a ritrovare l'unità. "Meno liti e più lavoro. Meno personalismi, più squadra. Sarà banale ma è quello che serve a Forza Italia", è la ricetta di Maurizio Gasparri. Prova a suonare la carica anche la portavoce, Deborah Bergamini: "Il vivace dibattito interno di questi giorni, trasformato artificiosamente in polemica, se non in gossip, da alcuni organi di stampa, sicuramente - sostiene - distrae l'attenzione dai guai imbarazzanti del governo Renzi, ma non deve distrarre noi dall'obiettivo comune di rafforzare l'unità e la coesione del nostro movimento e del centrodestra per poter sconfiggere la sinistra già a partire dalle prossime elezioni amministrative". E come loro anche Annagrazia Calabria, Stefania Prestigiacomo, Mara Carfagna.

Una sorta di tregua natalizia, chiesta dal Cavaliere dopo essere stato costretto ad archiviare il progetto di un ricambio dei vertici dei gruppi. Il malessere, però, continua a serpeggiare nonostante Berlusconi in persona nel fine settimana abbia cercato al telefono gli "insofferenti" per promettergli che da gennaio nel partito tutto cambierà. Una promessa fatta innumerevoli volte, per la verità, senza per questo essersi mai tradotta nei fatti.

E' tuttavia probabile che alla ripresa dei lavori si riunirà quell'organismo, quella camera di compensazione, che negli ultimi tempi è stata invocata ripetutamente da Romani, Matteoli e Toti. Ci impegnamo - si legge infatti nella nota dei due capigruppo - a "valorizzare il dibattito e il confronto, anche all'interno di un organismo compiutamente rappresentativo scelto dal presidente Berlusconi".

Per il momento, dunque, lo scontro dovrebbe restare nel freezer. Silvio Berlusconi ha deciso di non affacciarsi a Roma per tutta la settimana, dando forfait non soltanto alla cerimonia al Quirinale con Mattarella, ma anche scansando il brindisi di Natale con i parlamentari. Questa sera, però, sarà a Desio per una cena elettorale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Accordo Asi-Cmsa per esperimenti su stazione spaziale cinese
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%