mercoledì 07 dicembre | 21:59
pubblicato il 05/giu/2014 12:00

Cantone: nei casi di corruzione vanno revocati gli appalti

Gli ispettori devono avere più poteri

Cantone: nei casi di corruzione vanno revocati gli appalti

Roma, 5 giu. (askanews) - La legge che regola gli appalti "va cambiata", perché "troppe opere fatte con deroghe finiscono quasi sempre con fatti di corruzione". Lo dice Raffaele Cantone, presidente dell'Autorità anticorruzione, in una intervista a Repubblica. Quanto agli appalti finiti a imprenditori corrotti ricorda che nella legge Severino già esiste il "patto di integrità" per cui già oggi potrebbero essere revocati. "Nel merito non parlo" dell'indagine di Venezia, fa sapere Cantone, "ma quello che inquieta è il coinvolgimento trasversale di soggetti diversi, non solo imprenditori e politici, ma anche pezzi del sistema dei controlli, a dimostrazione di come la corruzione riesca a pervadere ambiti più vari. L'indagine verificherà i fatti, ma le cifre pagate appaiono subito molto rilevanti". Sull'incontro di ieri con il premier Matteo Renzi, Cantone non dice molto: "La mia riservatezza è assoluta. Posso solo dire che abbiamo parlato di quale potrebbe essere il ruolo dell'Autorità anti-corruzione nell'Expo, gli ho spiegato quali sono i nostri problemi e le nostre criticità. Bisogna migliorare la qualità ispettiva, ampliare il potere sanzionatorio e consentire all'Anac di essere più efficiente nei controlli che fa". "La legge Severino - sottolinea Cantone - è in vigore da un anno e le Pubbliche amministrazioni stanno facendo fatica ad adeguarsi alle regole. fisiologico che non ci siano ancora risultati". Inoltre, secondo il presidente dell'Autorità anticorruzione, "bisogna affrontare la corruzione fuori dall'emergenza, quando non ci sono fatti corruttivi, perché lavorare sull'emergenza è la soluzione peggiore. C'è un problema sulla legge per gli appalti. Opere fatte con deroghe finiscono quasi sempre con fatti di corruzione. C'è una legge inadeguata a gestire le grandi opere. C'è troppo formalismo per le piccole amministrazioni e un difetto per le grandi. C'è sempre bisogno di deroghe, giustificate per fare le opere, che poi producono corruzione. La legge sugli appalti non è adeguata e va cambiata". C'è bisogno poi di verificare "se i piani anti-corruzione e i piani di trasparenza sono partiti. Il nostro compito è questo. Applicare appieno la Severino" a cui comunque va fatto un "tagliando" perché "ci sono cose da cambiare, soprattutto sui poteri dell'Anac e sulla prevenzione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Pisapia: pronto a unire sinistra fuori da Pd, dialogo con Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni