giovedì 19 gennaio | 21:04
pubblicato il 05/giu/2014 12:00

Cantone: nei casi di corruzione vanno revocati gli appalti

Gli ispettori devono avere più poteri

Cantone: nei casi di corruzione vanno revocati gli appalti

Roma, 5 giu. (askanews) - La legge che regola gli appalti "va cambiata", perché "troppe opere fatte con deroghe finiscono quasi sempre con fatti di corruzione". Lo dice Raffaele Cantone, presidente dell'Autorità anticorruzione, in una intervista a Repubblica. Quanto agli appalti finiti a imprenditori corrotti ricorda che nella legge Severino già esiste il "patto di integrità" per cui già oggi potrebbero essere revocati. "Nel merito non parlo" dell'indagine di Venezia, fa sapere Cantone, "ma quello che inquieta è il coinvolgimento trasversale di soggetti diversi, non solo imprenditori e politici, ma anche pezzi del sistema dei controlli, a dimostrazione di come la corruzione riesca a pervadere ambiti più vari. L'indagine verificherà i fatti, ma le cifre pagate appaiono subito molto rilevanti". Sull'incontro di ieri con il premier Matteo Renzi, Cantone non dice molto: "La mia riservatezza è assoluta. Posso solo dire che abbiamo parlato di quale potrebbe essere il ruolo dell'Autorità anti-corruzione nell'Expo, gli ho spiegato quali sono i nostri problemi e le nostre criticità. Bisogna migliorare la qualità ispettiva, ampliare il potere sanzionatorio e consentire all'Anac di essere più efficiente nei controlli che fa". "La legge Severino - sottolinea Cantone - è in vigore da un anno e le Pubbliche amministrazioni stanno facendo fatica ad adeguarsi alle regole. fisiologico che non ci siano ancora risultati". Inoltre, secondo il presidente dell'Autorità anticorruzione, "bisogna affrontare la corruzione fuori dall'emergenza, quando non ci sono fatti corruttivi, perché lavorare sull'emergenza è la soluzione peggiore. C'è un problema sulla legge per gli appalti. Opere fatte con deroghe finiscono quasi sempre con fatti di corruzione. C'è una legge inadeguata a gestire le grandi opere. C'è troppo formalismo per le piccole amministrazioni e un difetto per le grandi. C'è sempre bisogno di deroghe, giustificate per fare le opere, che poi producono corruzione. La legge sugli appalti non è adeguata e va cambiata". C'è bisogno poi di verificare "se i piani anti-corruzione e i piani di trasparenza sono partiti. Il nostro compito è questo. Applicare appieno la Severino" a cui comunque va fatto un "tagliando" perché "ci sono cose da cambiare, soprattutto sui poteri dell'Anac e sulla prevenzione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
Terremoti
Terremoto, Gentiloni presiede a Rieti vertice Protezione Civile
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale