domenica 04 dicembre | 03:46
pubblicato il 05/set/2014 18:40

Cannabis: Gasparri (FI), uso farmacologico non liberalizzazione

(ASCA) - Roma, 5 set 2014 - ''Alcuni, o per ignoranza o per malafede, confondono attivita' farmaceutiche o terapeutiche con la possibilita' che possa circolare liberamente la cannabis. Non e' cosi' e non sara' mai cosi'''. Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

''La comunita' scientifica - prosegue - discute su aspetti farmacologici, con opinioni diverse. Le eventuali attivita' dello stabilimento farmaceutico militare di Firenze pongono sotto uno stretto controllo attivita' a scopo farmaceutico e non aprono alcuna strada all'uso libero delle sostanze stupefacenti. Occorre grande vigilanza ovviamente. Ma da sempre, ad esempio, si usa la morfina come antidolorifico sotto controllo medico, il che non consente a nessuno di far circolare ad altri scopi quella sostanza''. Quindi Gasparri conclude: ''La droga e' droga e nessuno la potra' legalizzare. Altro e' cio' di cui si parla e che va seguito per evitare abusi e confusione. I militari sono garanzia a questo scopo''. com-sgr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari