sabato 25 febbraio | 10:37
pubblicato il 21/mar/2014 08:43

Campania: Lorenzin, Governo non minimizza su terra dei fuochi

(ASCA) - Roma, 21 mar 2014 - ''La terra dei fuochi e' un'emergenza drammatica e qui nessuno minimizza. Questo e' un governo che si e' mosso con decisione, io non mi sono accontentata dei report dell'istituto superiore di sanita' che ho letto e che non hanno dato risposte sufficienti alla popolazione. Quei dati non bastano a me e non bastano alla gente che ha paura''. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin in un'intervista ad Avvenire parla dell'emergenza roghi tossici in Campania e svela i retroscena del grande screening sanitario deciso dal governo: ''Noi non possiamo ignorare i segnali che ci vengono dal territorio e lo screening di massa servira' a questo: a evitare che si viva nel terrore. Abbiamo messo solo su Terra dei fuochi e sulla questione Ilva a Taranto 50 milioni di euro. L'Istituto superiore di sanita' sta lavorando e a giorni si capiranno nei dettagli gli esami che andranno fatti. E' un lavoro imponente, ma in pochi mesi avremo la verita' e se l'emergenza sara' confermata interverremo con un'operazione di massa e con i migliori medici''. Saviano accusa il governo di minimizzare'? ''Questo e' il primo governo che ha fatto un provvedimento eccezionale e senza precedenti, i processi alle intenzioni sono inaccettabili. Screening di massa cosi' non si sono mai fatti prima, senza tenere conto del fatto che i fondi per la prevenzione sono gestiti normalmente dalle Regioni. E ora tutte le altre mi chiedono di fare lo stesso anche da loro. La Terra dei fuochi e' un'emergenza e non mi fermo, non sottovaluto. C'e' la salute della gente e ci sono i prodotti agricoli: chi coltiva sui siti a rischio o fa a sue spese le analisi con l'Istituto superiore della sanita' o non mette i prodotti sul mercato. Insomma stiamo lavorando con serieta' e rigore e non serve disfattismo ma un controllo attento e costruttivo dell'operato delle istituzioni. La popolazione e' la sentinella migliore, ci aiuti a controllare, ci dica ''guardi ministro la regione non ha fatto ancora questo o quello'', ci guidi nell'azione di controllo''. Il mio telefono e' sempre acceso. Ma processi preventivi no, questi davvero sono inutili.

E' un disfattismo nazionale che non fa mai vedere nulla di positivo''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech