martedì 06 dicembre | 13:21
pubblicato il 23/feb/2012 15:00

Camere/ Ricerca 'Democrazia 2.0': Solo 55% parlamentari sul web

E soltanto uno su cinque è presente su Facebook e Twitter

Camere/ Ricerca 'Democrazia 2.0': Solo 55% parlamentari sul web

Roma, 23 feb. (askanews) - Solamente il 55% dei parlamentari è presente su Internet, con una differenza di circa 10 punti tra Camera e Senato. E appena uno su cinque è presente sui social network, come Facebook e Twitter, contro il 70% dei colleghi statunitensi. E' quanto emerge dalla ricerca "Democrazia 2.0: Parlamento, parlamentari, sistema elettorale" presentata alla Camera dei Deputati. La ricerca ha permesso di monitorare per circa un mese la presenza e l'attività degli onorevoli sul Web. Sara Bentivegna, direttore della ricerca, ha illustrato i risultati: "I parlamentari italiani hanno scoperto il fascino di Facebook prima e ora di Twitter: stanno emigrando dal web 1.0 al 2.0. C'è da chiedersi per quale ragione lo stiano facendo e quale sia effettivamente la funzione esercitata da queste piattaforme digitali. Da quello che emerge dalla nostra ricerca i parlamentari utilizzano le opportunità di queste piattaforme soprattutto per la autopromozione e anche autocelebrazione". Dalla ricerca emerge che Facebook risulta ancora la piattaforma più utilizzata. Il Pd e i partiti minori sono i più tecnologici. Quasi il 70% degli esponenti del Partito democratico, infatti, è on line, mentre per il Pdl ci si ferma al 46%. Dal 2012, 198 parlamentari risultano iscritti a Twitter con un incremento di oltre l'85%, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. L'Italia dei Valori è invece il partito che ha adottato Twitter con maggiore convinzione, e il primo a utilizzarlo fu proprio Antonio Di Pietro. Benedetto Della Vedova, parlamentare di Futuro e Libertà, è un convinto sostenitore dell'importanza di Internet per chi fa politica. "Il web è ormai una piattaforma di lavoro fondamentale di informazione, di acquisizione di notizie, e anche una piattaforma per veicolare le informazioni. Non sono un utente compulsivo per quanto riguarda la comunicazione, però come si dimostra anche dalla ricerca sempre più il web è uno dei luoghi dove si fa politica, dove si ottiene un feedback dagli elettori, dai simpatizzati e anche dagli antipatizzanti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
Pakistan, sta morendo avvelenato il più grande lago del paese
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni