sabato 03 dicembre | 14:44
pubblicato il 23/lug/2014 13:14

Camere di commercio: Maroni a Renzi, serve attenzione per sistema

(ASCA) - Milano, 23 lug 2014 - ''Il Sistema camerale e' messo in crisi da una norma assurda, che prevede il dimezzamento del contributo, il che significa mettere in ginocchio il Sistema delle Camere delle commercio. Si tratta di un contributo di appena 109 euro, che le aziende mediamente pagano, quindi un contributo irrilevante per le imprese, ma questo contributo permette alle Camere di commercio di mettere in circolo una leva finanziaria di oltre 2 miliardi e mezzo, di cui 600 milioni qui in Lombardia. Senza questo contributo le politiche a sostegno delle imprese subirebbero un forte ridimensionamento e non si capirebbe perche', quindi chiedero' al premier Renzi attenzione a non danneggiare il mondo delle imprese con una norma assurda, che forse qualcuno gli ha suggerito e che forse lui non ha ben compreso''. Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni al suo arrivo alla cerimonia di apertura al traffico della nuova autostrada A35 Brebemi.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari