lunedì 27 febbraio | 08:27
pubblicato il 11/mar/2013 12:00

Camere/ Arrivano i neo deputati, il primo è Ragosta (Sel)

In sala Mappamondo gli adempimenti, Petraroli il primo grillino

Camere/ Arrivano i neo deputati, il primo è Ragosta (Sel)

Roma, 11 mar. (askanews) - Sono iniziate alle 9 in punto nella Sala del Mappamondo di Montecitorio le procedure di registrazione dei deputati della XVII legislatura che prenderà il via venerdì prossimo 15 marzo: il primo ad arrivare è stato il campano Michele Ragosta, classe 1955, eletto con Sinistra ecologia e libertà. A seguire il 'veterano' del Pd Walter Verini, quindi il giovane renziano Marco Donati, di Arezzo, neo eletto con i democratici. Ettore Rosato accompagna la pattuglia dei democratici friulani al loro esordio alla Camera: Gianna Malisani ("Cosa mi aspetto? Di restare qui - dice ai giornalisti - qualche giorno in più di quanto prospettato"), Giorgio Zanin e Paolo Coppola. Il primo eletto del Movimento 5 Stelle arriva alle 9.30: è Cosimo Petraroli, 34 anni, di Varese. Con la sua inseparabile coppola, si fa accompagnare da una commessa fino alla Sala del Mappamondo senza fermarsi davanti a telecamere e cronisti. La registrazione dei deputati avviene in cinque fasi: prima la foto per il rilascio del tesserino unico e per le pubblicazioni ufficiali, poi la raccolta dei dati anagrafici e amministrativi che si svolge presso una delle 14 postazioni allestite nella Sala del Mappamondo. Al termine della procedura il deputato sottoscrive un report, denominato 'scheda anagrafica', e l'autorizzazione all'uso della propria fotografia e alla pubblicazione su internet dell'indirizzo di posta elettronica che gli verrà assegnato. Infine al deputato è sottoposto un modulo per la dichiarazione dei redditi da lavoro che lo stesso presume di conseguire per il 2013. Il terzo step della registrazione sono gli adempimenti attinenti alle prerogative parlamentari: il personale li illustra al deputato e questi può già optare per una circoscrizione, nel caso in cui sia stato eletto in più circoscrizioni, aderire a un gruppo parlamentare, dichiarare le cariche ricoperte ai fini dell'accertamento di eventuali cause di ineleggibilità. Il quarto passo sono è il rilascio delle password per accedere al portale della Camera e agli altri servizi e il deposito della firma digitale. L'ultimo passaggio è il rilascio del tesserino unico per cui è necessario rilevare i punti caratteristici delle dita della mano, le cosiddette minuzie. Il tesserino servirà per le votazioni elettroniche in Assemblea e per la rilevazione delle presenze.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech