martedì 21 febbraio | 04:48
pubblicato il 04/dic/2013 17:28

Camera: via libera Ufficio Presidenza a modifiche su diritto d'oblio

(ASCA) - Roma, 4 dic - Nel corso della riunione odierna dell'Ufficio di Presidenza della Camera e' stata affrontata la questione del diritto d'oblio, ovvero il diritto di ogni cittadino di poter essere cancellato, dopo un certo periodo di tempo, dagli atti parlamentari. Nel corso della riunione sono state approvate tre proposte di modifica alla normativa vigente. Le tre proposte sono state votate a maggioranza. In particolare, in caso di Commissioni parlamentari congiunte, e' stato previsto che le istanze possano essere esaminate d'intesa fra Camera e Senato. Inoltre, le istanze potranno essere accolte nel caso riguardino atti pubblicati da non meno di tre anni, salvo atti riguardanti la legislatura in corso e salvo diversa deliberazione da parte dell'Ufficio di Presidenza. Infine e' possibile presentare istanza di cancellazione anche da eventuali risposte del governo a atti ispettivi del sindacato, nel caso in cui in questi atti siano contenuti dati sensibili, giudiziari, riguardanti minori o notizie risultate false. brm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia