lunedì 05 dicembre | 13:49
pubblicato il 05/dic/2013 14:32

Camera: Sereni, tagli 23,5 mln in tre anni. Riprendere dialogo sindacati

(ASCA) - Roma, 5 dic - ''L'ufficio di presidenza della Camera dei deputati ha deciso a maggioranza, su proposta del Comitato Affari del Personale che ho il compito di presiedere, alcune misure sulle retribuzioni del personale. I risparmi saranno di 450mila euro dal gennaio 2014, per il taglio o la riduzione di alcune indennita' considerate non piu' attuali, e di 22 milioni di euro a partire dal gennaio 2016 per il mancato adeguamento automatico delle retribuzioni bloccato per gli anni 2014 e 2015''. Lo annuncia in una nota la vice-presidente della Camera, Marina Sereni, ''Si tratta di un altro tassello di un percorso iniziato con questa legislatura - spiega Sereni - motivato dalla straordinaria crisi economica che ha colpito il Paese e dalla necessita' di contenere le spese di funzionamento del Parlamento, puntando a riconoscere invece il merito e le competenze del personale.

Sono rammaricata perche', nonostante un'ampia discussione, non sia stato possibile raggiungere una intesa con le organizzazioni sindacali dei dipendenti con le quali tuttavia siamo impegnati a riprendere e recuperare rapidamente il confronto''.

Con la decisione di ieri, come si legge nel comunicato della Camera, ''viene abolita l'indennita' di rischio meccanografica e di immissione dati, spettanti a chi lavora davanti a macchinari e strumenti meccanici. Viene ridotta del 50% l'indennita' di maneggio valori. Viene limitata l'indennita' di missione a quelle che si svolgono fuori dal territorio nazionale e presso organismi e istituzioni europee e internazionali. Questo taglio comporter a' un risparmio di 450mila euro dal gennaio 2014. Inoltre e' stato deciso che non ci sara' recupero, ne' conguaglio per il mancato adeguamento automatico delle retribuzioni per gli anni 2014 e 2015 ma ne e' previsto il ripristino nel 2016. I risparmi saranno di 22 milioni di euro dal gennaio 2016''. ''Nei prossimi giorni - conclude Sereni - continueremo a lavorare, come Comitato affari del personale, sugli altri argomenti contenuti nelle linee di indirizzo stabilite dall'Ufficio di Presidenza in luglio e sulle proposte avanzate dalle piattaforme delle Organizzazioni Sindacali, avendo come obiettivi la riorganizzazione del lavoro della Camera secondo principi di valorizzazione del merito e contenimento della spesa''.

com-sgr/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari