lunedì 05 dicembre | 15:47
pubblicato il 08/apr/2013 15:34

Camera: Sereni (Pd), far lavorare commissioni? M5S fa solo propaganda

Camera: Sereni (Pd), far lavorare commissioni? M5S fa solo propaganda

(ASCA) - Roma, 8 apr - ''Per evitare che tutto diventi propaganda e comunicazione, bisogna dire che in Parlamento non c'e' chi vuole lavorare e chi vuol tenere tutto bloccato.

Per questo le annunciate forme di mobilitazione, compresa la ventilata occupazione di Montecitorio, non servono a far partire le commissioni parlamentari, ma a far notizia''. Lo dichiara Marina Sereni, vicepresidente della Camera dei deputati. ''E' vero - prosegue - dal punto di vista giuridico non esiste un divieto esplicito alla costituzione delle Commissioni prima dell'insediamento del governo, quello che si ricava invece da un'interpretazione sistematica e dalla prassi parlamentare consolidata, e' l'opportunita' netta di costituirle dopo. Questo perche', anche se al M5S non piace, la nostra forma di governo ha natura parlamentare e non assembleare, ed e' dunque caratterizzata da un rapporto forte tra esecutivo e Parlamento, che si concreta nella funzione di indirizzo politico, la quale viene svolta attraverso il governo e la maggioranza e che viene ad essere attribuita nel momento della votazione della fiducia''.

Conclude l'esponente del Pd: ''A voler essere piu' didascalici, come sostenuto da illustri costituzionalisti, la formazione delle Commissioni parlamentari permanenti rispecchia la proporzione dei gruppi, come recita l'articolo 72 della nostra Costituzione. Cio' significa che i gruppi che sono maggioranza in assemblea, lo sono necessariamente anche in commissione e quelli che sono minoritari in assemblea lo sono pure in commissione. Per questo la maggioranza, se cosi' reputa opportuno, e' in grado di eleggere i presidenti di tute le commissioni permanenti. Ma qual e' oggi la maggioranza? Qual e' il governo, o il programma di governo, a cui si farebbe riferimento? Senza l'individuazione dell'esecutivo e dunque della maggioranza che lo sostiene, non ha senso insediare le Commissioni, essendo necessario che al loro interno venga garantita anche la maggioranza e che il loro presidente si faccia carico anche dell'attuazione del programma di governo. Questo e' ragionare, mentre noi Democratici lavoriamo davvero, come dimostra l'impegno sul decreto per i pagamenti della PA e le numerose proposte di legge presentate. Il resto e' propaganda''.

com-gar/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari