domenica 22 gennaio | 17:47
pubblicato il 17/mar/2014 11:48

Camera: Realacci, domani in commissione parte esame ddl piccoli comuni

(ASCA) - Roma, 17 mar 2014 - ''Parte domani in seduta congiunta tra le Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici e Bilancio della Camera dei Deputati l'esame del disegno di legge sui Piccoli comuni di cui sono primo firmatario, assieme ad oltre 70 parlamentari di vari gruppi a cominciare dal collega Enrico Borghi della Commissione Ambiente, che e' anche relatore della legge insieme ad Antonio Misiani della Commissione Bilancio''. Lo afferma Ermete Realacci, presidente della commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera. ''Il disegno di legge - prosegue Realacci - che propone Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione pari o inferiore a 5.000 abitanti e dei territori montani e rurali e' una norma molto attesa. Un'occasione importante che indica una chiara direzione di marcia: considerare i nostri circa 5.700 piccoli comuni non un peso per il nostro Paese, un'eredita' del passato, ma una straordinaria occasione per difendere la nostra identita', le nostre qualita' e costruire il futuro. C'e' da sperare che questa sia la volta buona per arrivare finalmente e in tempi rapidi all'approvazione di questo testo''. Quindi spiega: ''Fra le misure previste la promozione della cablatura e della banda larga, l'incentivazione della residenza, garantire la presenza e la qualita' di servizi indispensabili come sanita', trasporti, istruzione, servizi postali, risparmio, il recupero dei centri storici e la tutela del patrimonio ambientale. I comuni potranno poi promuovere i prodotti tipici locali e indicare anche nella cartellonistica stradale le produzioni tipiche, e grazie all'istituzione di un Registro Nazionale dei serbatoi di carbonio agroforestali potranno per certificare la gestione sostenibile delle foreste e dei suoli agricoli. La legge, insomma, nasce con l'intento esplicito di difendere l'identita' delle nostre comunita', ovviamente razionalizzando e mettendo in comune i servizi, ad esempio con l'uso dello strumento delle unioni dei comuni''. ''Questa legge - conclude Realacci - e' un'opportunita' per tutto il Paese. Se vogliamo che l'Italia rafforzi la sua presenza sui mercati globalizzati grazie alla qualita' e all'identita' di cui e' portatrice, infatti, dobbiamo scommettere sui nostri piccoli comuni, sulla forza dei nostri territori. Per rilanciare l'economia e battere la crisi l'Italia deve fare l'Italia e puntare, oltre che su innovazione, ricerca e conoscenza, sulle cose che la rendono unica: bellezza, qualita', paesaggio, storia, coesione sociale, legame con i territori. Per celebrare questa piccola grande Italia, inoltre, domenica primo giugno tornera' in centinaia di borghi per tutto il Paese Voler Bene all'Italia, la Festa Nazionale dei Piccoli Comuni promossa da Legambiente''. com-sgr/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4