venerdì 02 dicembre | 21:13
pubblicato il 26/giu/2014 18:18

Camera: nel 2013-14 138 mil di risparmi per lo Stato (1 update)

(ASCA) - Roma, 26 giu 2014 - Dall'inizio della legislatura, con la riduzione della dotazione di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2013 e 2014 e con le restituzioni effettuate nel biennio, l'onere della Camera a carico del bilancio dello Stato si riduce di 138,3 milioni di euro rispetto al 2012, utilizzabili per altre finalita' di pubblico interesse. E' quanto si legge nel bilancio di Montecitorio approvato oggi dall'Ufficio di presidenza.

L'Ufficio di Presidenza della Camera dei deputati, riferisce un comunicato, ha approvato oggi, su proposta del Collegio dei Questori, il conto consuntivo 2013 e la nota di variazione al bilancio di previsione per il 2014 e al bilancio pluriennale 2014-2016. Queste le misure piu' rilevanti: 1) negli anni 2014-2016, come gia' avvenuto nel 2013, la dotazione della Camera dei deputati e' ridotta di 50 milioni di euro rispetto all'ammontare del 2012; 2) nel 2014 la Camera dei deputati procedera' alla restituzione al bilancio dello Stato di 28,3 milioni di euro; dall'inizio della legislatura, con la riduzione della dotazione di 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2013 e 2014 e con le restituzioni effettuate nel biennio, l'onere della Camera a carico del bilancio dello Stato si riduce di 138,3 milioni di euro rispetto al 2012, utilizzabili per altre finalita' di pubblico interesse; 3) per quanto riguarda la spesa di funzionamento, per il terzo anno consecutivo si registra una diminuzione. In particolare, nel 2014 la riduzione rispetto al 2013 e' di 17,7 milioni. Nel 2013 la spesa era diminuita di 32,7 milioni di euro rispetto al 2012. Rispetto al 2012, dunque, la spesa prevista per il 2014, grazie alle significative e consistenti misure di risparmio adottate in questa legislatura, si riduce di 50,4 milioni di euro; 4) i documenti di bilancio rilevano inoltre gli effetti dell'applicazione del contributo di solidarieta' previsto dalla legge di stabilita' 2014 ai trattamenti previdenziali dei dipendenti in quiescenza e degli ex deputati.

Complessivamente, i trattamenti da erogare agli aventi diritto diminuiscono nella misura di 8,3 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014, 2015 e 2016. L'Ufficio di Presidenza ha infine stabilito di ridurre ulteriormente la spesa della Camera a partire dal 2015, approvando l'indirizzo di recedere dai contratti di locazione dei Palazzi Marini, ove sono ubicati gli uffici dei deputati, cio' che potra' comportare una minore spesa per locazioni per piu' di 30 milioni. Tale indirizzo diventera' operativo dopo l'approvazione del bilancio da parte dell'Assemblea. Altri risparmi deriveranno dal processo, in corso, di ristrutturazione dell'assetto retributivo dei dipendenti in servizio. fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari