domenica 04 dicembre | 17:44
pubblicato il 02/ago/2011 13:41

Camera/ Montecitorio domani va in vacanza, riapre il 5 settembre

Prima le Commissioni, poi dal 12 l'Aula. Pd protesta

Camera/ Montecitorio domani va in vacanza, riapre il 5 settembre

Roma, 2 ago. (askanews) - Dopo il dibattito sull'informativa del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, domani in Aula alla Camera, Montecitorio, salvo sorprese, andrà in vacanza e riaprirà, con le sedute delle Commissioni, il prossimo 5 settembre. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di oggi. L'Aula invece ricomincerà le sue sedute a partire dal 12 settembre. Protesta il Pd: "Avevamo proposto - ha spiegato Dario Franceschini, capogruppo Pdl - di iniziare anche con l'Aula il 5 settembre ma la maggioranza non ha voluto. Avremmo voluto cominciare anticipatamente perché lo ritenevamo doveroso". Il presidente dei deputati del Pdl, Fabrizio Cicchitto, ha spiegato che nella prima settimana di settembre tradizionalmente "ci sono 100 parlamentari che fanno un pellegrinaggio. Per rispetto verso di loro abbiamo ritenuto di iniziare le sedute dell'Aula più tardi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari