domenica 11 dicembre | 04:09
pubblicato il 06/dic/2013 19:23

Camera: M5S, stop a video e' censura. Modifica regolamento contro di noi

(ASCA) - Roma, 6 dic - ''Il divieto, anche per i parlamentari, di fare riprese in Aula e' l'ennesimo, ulteriore, caso e dimostrazione di una politica che censura, si trincera nella sua torre d'avorio e non accetta di essere sottoposta al giudizio dei cittadini''. Lo dichiara il Gruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera commentando la proposta di modifica del regolamento a Montecitorio presentata dai questori Stefano Dambruoso (Scelta Civica), Gregorio Fontana (Fi) e Paolo Fontanelli (Pd).

''Gli schieramenti politici, per una volta, ritrovano compattezza e unita' d'intenti nel segno di una norma che e' chiaramente rivolta contro il Movimento - scrivono in una nota -. Evidentemente il fatto di essere ripresi e svelati, di essere sottoposti a controllo vero e diretto, e' per loro troppo doloroso. E quindi fanno scattare la censura. Solo contro i video pero': quando si tratta di aggressioni fisiche e verbali rivolte contro di noi, l'atteggiamento della casta e' di una morbidezza che supera il limite della provocazione''.

Quindi proseguono: ''Tra l'altro, il questore Gregorio sulla vicenda afferma che 'stavamo maturando l'idea gia' da tempo, anche per via di alcuni episodi avvenuti in commissione Cultura'. Ora, Gregorio cita la commissione Cultura senza ricordare i fatti avvenuti. E allora ci pensiamo noi: in quella sede, alcune settimane fa, e' avvenuto un fatto che ha scatenato polemiche: quando e' giunto il momento di votare gli emendamenti al Decreto Valore Cultura, quelli del M5S e delle altre opposizioni sono stati bocciati, per alzata di mano, alla velocita' della luce: uno ogni due secondi. Questo significa che i provvedimenti sono stati scartati senza entrare nel merito, senza valutare se potessero essere costruttivi, importanti, o altro. Via, carta straccia. Il tutto e' stato immortalato attraverso un video girato da un nostro deputato. Ecco di cosa si vergognano i signori: di aver visto smascherato un ridicolo meccanismo della politica che fino a ieri non era accessibile ai cittadini''.

''I signori del falso perbenismo con questo atto, dimostrano la loro vera natura che non ha nulla a che fare con concetti quali 'trasparenza' e 'casa di vetro''', concludono i deputati del M5S. com-sgr/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina