sabato 03 dicembre | 16:46
pubblicato il 31/gen/2014 12:00

Camera, Lettera Boldrini a Letta: preoccupata per troppi decreti

Generano tensioni in Aula

Camera, Lettera Boldrini a Letta: preoccupata per troppi decreti

Roma, 31 gen. (askanews) - "Caro presidente, desidero rappresentarle una forte preoccupazione istituzionale derivante dalle oggettive difficoltà, se non impossibilità, di organizzare i lavori della Camera dei deputati a causa del ricorso sempre più frequente allo strumento del decreto legge da parte del Governo". E' quanto ha scritto il presidente della Camera, Laura Boldrini, in una lettera inviata al premier, Enrico Letta. "E ciò - ha sottolineato - anche alla luce delle misure cui sono stata costretta a far ricorso nella giornata di mercoledì scorso al fine di garantire, nel rispetto dei principi costituzionali, la messa in votazione del disegno di legge di conversione del decreto legge n. 133 del 2014, prima della scadenza del termine di efficacia del provvedimento previsto dall'articolo 77 della Costituzione". "Allo stato, pendono presso le Camere - ha rimarcato - complessivamente 9 disegni di conversione di decreti legge; di questi, ben 6 hanno il termine di scadenza nel mese di febbraio 2014. E' noto che tale situazione, unita al carattere spesso eterogeneo del contenuto dei decreti, genera tensioni nel rapporto tra maggioranza e gruppi di opposizione; essa incide anche - come è sotto gli occhi di tutti in questi giorni - molto negativamente sull'ordinato svolgimento dei lavori parlamentari, rendendo di fatto assai difficile una razionale programmazione dei lavori stessi, anche alla luce dell'attuale assetto regolamentare che disciplina la procedura di esame dei decreti stessi". "Tutto ciò, peraltro, come ripetutamente rilevato anche da parte dei gruppi parlamentari, costringe di fatto l'Assemblea, chiamata a convertire entro il termine costituzionale una mole così ingente di decreti legge, a concentrarsi pressoché esclusivamente - ha ribadito - nell'esame dei provvedimenti di urgenza, a scapito dell'esame di altri progetti di legge, anche di iniziativa parlamentare". "Ho inteso rappresentarle quanto sopra, affinché il Governo - è la conclusione - possa valutare l'opportunità di un uso più appropriato dei vari strumenti normativi a sua disposizione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari