giovedì 08 dicembre | 13:26
pubblicato il 05/nov/2013 16:14

Camera: Commissione Difesa al Parlamento Ue in vista Consiglio europeo

(ASCA) - Roma, 5 nov - Il presidente della Commissione difesa della Camera dei deputati, Elio Vito, ha preso parte oggi a Bruxelles ad una riunione indetta dalle Commissioni esteri e difesa del Parlamento europeo sul futuro della difesa europea in vista del Consiglio europeo di dicembre. Lo rende noto l'ufficio stampa di Montecitorio. Il presidente Vito, intervenendo ai lavori cui hannocontribuito anche la direttrice dall'Agenzia europea della Difesa, Claude France Arnould, e il direttore dello EU Institute for Security Studies, Antonio Missiroli, ha dato risalto alla prassi delle conferenze interparlamentari in quanto utili a rendere piu' trasparenti le decisioni in materia di politica estera, di sicurezza e di difesa comune.

Ha ribadito che ''l'Unione europea non e' una mera associazione tra Stati ma un ordinamento giuridico unitario, fondato sulla scelta di condividere profili di sovranita' nazionale ed orientato alla promozione di pace, sicurezza, diritti umani e spetta ai Parlamenti assumere le decisioni piu' coraggiose su questo terreno'' anche perche'''non vi puo' essere una difesa europea senza l'unione politica. E in un'Europa unita sul piano politico l'industria europeaha maggiori possibilita' di affermarsi come risultato spontaneo di una sinergia continentale''. Il presidente Vito ha sottolineato ai fini della difesa europea l'importanza di decisioni lungimiranti in tema di utilizzo delle risorse finanziarie, di sviluppo delle capacita', sia sul piano militare che su quello civile, e della promozione di sinergie industriali che sfruttino al meglio le specificita' di ogni Stato, accrescano il grado di sicurezza collettiva, oltre che la nostra stessa credibilita' e autorevolezza in campo internazionale. ''L'obiettivo e' il reperimento e la condivisione delle risorse necessarie a garantire una capacita' di risposta rapida da parte dell'Unione, il rafforzamento del ruolo dell'Agenzia europea per la difesa e la cooperazione industriale per porre rimedio al declino che minaccia il settore''. Ha auspicato l'adozione di atti di indirizzo e controllo da parte dei singoli Parlamenti nazionali che orientino i Governi in una direzione convergente verso tali obiettivi, ponendo al centro il dialogo diretto con i cittadini e accrescendo il livello di consapevolezza generale sulle nuove minacce che incombono a livello regionale e dando priorita' alle politiche di prevenzione delle crisi. Ha infine sottolineato che il dibattito in corso al Parlamento italiano sulla riforma dello strumento militare e sulla decisione sulla proroga sul finanziamento delle missioni internazionali offre un'occasione preziosa per europeizzare la riflessione collettiva sui temi della difesa e preparare al meglio il Paese all'impegno che lo attende nel semestre di presidenza dell'Unione europea nel 2014. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Governo
Comitato del No: sarebbe bene Colle ci convocasse a consultazioni
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi: chi non vuole voto sostenga governo o urne dopo Consulta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni