lunedì 05 dicembre | 00:12
pubblicato il 06/nov/2013 13:09

Camera: Collegio Questori a M5S, bilancio fa risparmiare 60 milioni

(ASCA) - Roma, 6 nov - ''Non si capisce perche' gli esponenti del Movimento Cinque Stelle addebitino alla sola Presidente Boldrini la responsabilita' di scelte largamente condivise dall'Ufficio di Presidenza. Si capisce invece benissimo il perche' della loro reazione scomposta e nervosa: il lavoro serio e rigoroso fatto sul bilancio dal Collegio dei Questori e condiviso dalla grande maggioranza delle forze politiche toglie agli esponenti dei 5 Stelle le argomentazioni sulle quali hanno basato la loro azione, sostenendo una presunta irriformabilita' del Parlamento''. E' quanto si legge in una nota del collegio dei Questori della Camera.

''Anche se - prosegue la nota - la demagogia impedisce loro di prenderne atto, con questo bilancio la Camera fa risparmiare allo Stato 60 milioni di euro, ed e' la prima volta che cio' accade dagli anni Sessanta. E' il frutto di una politica di tagli che ha cominciato ad incidere marcatamente sulle indennita' dei deputati titolari di carica, sul numero e sulle retribuzioni dei dipendenti, con un taglio delle indennita' dal 30 al 70 per cento, sul contributo ai gruppi parlamentari, sulle spese per beni e servizi. E' il riformismo praticato concretamente, passo dopo passo, di gran lunga piu' serio e piu' efficace del populismo a mezzo stampa, o a mezzo rete, che tanto li attira''.

''Questo cambiamento - si legge sempre nella nota - continuera': coinvolgera' i deputati e continuera' a riguardare anche i dipendenti. Ma proprio perche' la Camera non e' 'lo stato libero di Montecitorio' sul quale i Cinque Stelle ironizzano, le riforme - che si stanno portando avanti con la piena collaborazione dell'Amministrazione - vanno fatte trattando con le rappresentanze sindacali, coinvolgendo i dipendenti e rispettando i loro diritti maturati, anche per evitare di rallentare il processo di riforma attraverso infiniti e costosi contenziosi. Quanto poi al Segretario Generale, la cui competenza e professionalita' sono ampiamente riconosciute, la sua figura e' garanzia di autonomia e indipendenza dell'amministrazione, e come tale il regolamento della Camera lo sottrae ad ogni forma di spoil system. A questi principi l'Ufficio di Presidenza ha ritenuto di mantenersi aderente, pur non escludendo la possibilita' di prevedere per il futuro termini di durata per tutti gli incarichi interni''.

com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari