martedì 21 febbraio | 15:33
pubblicato il 20/mar/2013 12:00

Camera/ Boldrini sollecita intese su vicepresidenti, muro M5S

Lombardi: Noi votiamo solo i nostri candidati

Camera/ Boldrini sollecita intese su vicepresidenti, muro M5S

Roma, 20 mar. (askanews) - Il puzzle degli uffici di presidenza di Camera e Senato è ancora work in progress: a due giorni dalla convocazione dell'Aula di Montecitorio e Palazzo Madama per l'elezione di vicepresidenti, questori e segretari di presidenza, la presidente della Camera, Laura Boldrini, ha sollecitato, durante la prima conferenza dei capigruppo, "le opportune intese tra i Gruppi" che il Regolamento stabilisce la terza carica dello Stato debba promuovere. Ma il Movimento 5 Stelle non vuole sentire ragioni. "Se per intese si intendono i soliti accordi e accordicchi - ha detto Roberta Lombardi, presidente dei deputati grillini al termine della capigruppo - noi non ci stiamo. Noi votiamo i nostri candidati, non voteremo quelli degli altri". I candidati grillini all'ufficio di presidenza sono Luigi Di Majo (26 anni eletto in Campania) per la vicepresidenza della Camera, Laura Castelli (26 anni eletta in Piemonte "mangiatrice di bilanci") come questore della Camera, Riccardo Fraccaro (eletto in Trentino Alto Adige, 32 anni laureato in giurisprudenza) alla carica di segretario di presidenza. Sono di più le candidature grilline al Senato: due al ruolo di Questore, Laura Bottici e Francesco Molinari; due alla vicepresidenza, Luis Orellana e Paola Taverna; quattro al ruolo di segretario d'Aula: Ornella Bertorotta, Gianluca Castaldi, Nunzia Catalfo, Daniela Donno. Il Pd alla Camera vorrebbe piazzare due vicepresidenti. I nomi che circolano sono quelli di Marina Sereni e Roberto Giachetti ma non è escluso che una delle due vicepresidenze vada ai montiani: nel caso il ruolo sarebbe chiesto per un esponente di Italia Futura. Si discute anche nel Pdl dove Daniela Santanchè potrebbe avere la meglio su Maurizio Lupi e Mara Carfagna per il ruolo di vicepresidente. Il posto di questore in quota Pdl potrebbe andare ad Antonio Leone mentre i democratici potrebbero 'cedere' uno dei due posti che spettano alla forza di maggioranza ai grillini: Luigi Zanda ha chiesto un incontro ai capigruppo M5S, Vito Crimi e Roberta Lombardi, per oggi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia