domenica 04 dicembre | 21:20
pubblicato il 10/ott/2013 19:42

Camera: Boldrini riceve ambasciatore Usa

Camera: Boldrini riceve ambasciatore Usa

(ASCA) - Roma, 10 ott - La Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, ha ricevuto questo pomeriggio l'Ambasciatore degli Stati Uniti d'America, John R. Phillips, in visita di cortesia in seguito alla sua recente nomina. Tra i temi affrontati durante il colloquio, si legge in un comunicato, le recenti iniziative assunte dal Parlamento e dal Governo in materia di violenza di genere e la situazione in Medio Oriente e nei Paesi del Nord Africa, con l'aggravarsi dell'instabilita' in Libia. ''La situazione in Libia desta grande preoccupazione'', ha detto la Presidente Boldrini. ''E' con sollievo che ho appreso della liberazione del Primo Ministro Ali Zeidan, che abbiamo accolto alla Camera dei deputati solo pochi mesi fa. Tuttavia, cio' che e' successo stamane a Tripoli, con il presunto rapimento del Primo Ministro, rende ancora piu' urgente e necessario il sostegno della comunita' internazionale - e dell'Italia in particolare - alle istituzioni di transizione libiche.'' Riguardo alla perdurante crisi economica, la Presidente ha sottolineato la necessita' di investire nei giovani e nelle iniziative di start-up, soprattutto nel campo dell'innovazione e delle nuove tecnologie. ''Gli ostacoli principali che si frappongono a chi decide di intraprendere questo cammino, a chi desidera innovare per crescere - ha affermato la Presidente - sono due: essenziale e' l'accesso al credito, ancora troppo difficile in Italia; drammatica e' poi l'assenza di fiducia non solo nelle prospettive economiche del Paese, ma anche nelle Istituzioni che dovrebbero attuare le politiche di sostegno all'imprenditoria''. ' 'E la mancanza di fiducia nelle Istituzioni e nella classe politica'', ha proseguito la Presidente Boldrini, ''genera anche i sentimenti che sono alla base delle richieste di abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Il sistema politico statunitense, cosi' diverso da quelli europei, dimostra quali possano essere le conseguenze laddove si privilegia il ricorso ai fondi privati per poter svolgere attivita' politica. L'integrita' del processo democratico puo' essere intaccata dall'afflusso di finanziamenti provenienti da quelli che gli anglosassoni definiscono gli ''special interest groups'', i gruppi portatori di interessi: grandi aziende e multinazionali, nonche' lobbies di vario genere. La politica e' un'attivita' nobile, un'attivita' che dovrebbe porsi al servizio dei cittadini. A farla non dovrebbero essere solo le forze politiche che possono godere di cospicui finanziamenti privati''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari