domenica 22 gennaio | 01:05
pubblicato il 10/ott/2013 19:42

Camera: Boldrini riceve ambasciatore Usa

Camera: Boldrini riceve ambasciatore Usa

(ASCA) - Roma, 10 ott - La Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, ha ricevuto questo pomeriggio l'Ambasciatore degli Stati Uniti d'America, John R. Phillips, in visita di cortesia in seguito alla sua recente nomina. Tra i temi affrontati durante il colloquio, si legge in un comunicato, le recenti iniziative assunte dal Parlamento e dal Governo in materia di violenza di genere e la situazione in Medio Oriente e nei Paesi del Nord Africa, con l'aggravarsi dell'instabilita' in Libia. ''La situazione in Libia desta grande preoccupazione'', ha detto la Presidente Boldrini. ''E' con sollievo che ho appreso della liberazione del Primo Ministro Ali Zeidan, che abbiamo accolto alla Camera dei deputati solo pochi mesi fa. Tuttavia, cio' che e' successo stamane a Tripoli, con il presunto rapimento del Primo Ministro, rende ancora piu' urgente e necessario il sostegno della comunita' internazionale - e dell'Italia in particolare - alle istituzioni di transizione libiche.'' Riguardo alla perdurante crisi economica, la Presidente ha sottolineato la necessita' di investire nei giovani e nelle iniziative di start-up, soprattutto nel campo dell'innovazione e delle nuove tecnologie. ''Gli ostacoli principali che si frappongono a chi decide di intraprendere questo cammino, a chi desidera innovare per crescere - ha affermato la Presidente - sono due: essenziale e' l'accesso al credito, ancora troppo difficile in Italia; drammatica e' poi l'assenza di fiducia non solo nelle prospettive economiche del Paese, ma anche nelle Istituzioni che dovrebbero attuare le politiche di sostegno all'imprenditoria''. ' 'E la mancanza di fiducia nelle Istituzioni e nella classe politica'', ha proseguito la Presidente Boldrini, ''genera anche i sentimenti che sono alla base delle richieste di abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. Il sistema politico statunitense, cosi' diverso da quelli europei, dimostra quali possano essere le conseguenze laddove si privilegia il ricorso ai fondi privati per poter svolgere attivita' politica. L'integrita' del processo democratico puo' essere intaccata dall'afflusso di finanziamenti provenienti da quelli che gli anglosassoni definiscono gli ''special interest groups'', i gruppi portatori di interessi: grandi aziende e multinazionali, nonche' lobbies di vario genere. La politica e' un'attivita' nobile, un'attivita' che dovrebbe porsi al servizio dei cittadini. A farla non dovrebbero essere solo le forze politiche che possono godere di cospicui finanziamenti privati''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4