sabato 25 febbraio | 17:32
pubblicato il 07/giu/2014 12:07

Camera: Boldrini, recepire direttive Ue contro delocalizzazione imprese

Camera: Boldrini, recepire direttive Ue contro delocalizzazione imprese

(ASCA) - Roma, 7 giu 2014 - ''Quelle voci 'invisibili' ,con le quali ciascuno di noi ha a che fare solo al telefono, non sono piu' giovani al primo, provvisorio impiego''. Parla cosi' della manifestazione dei lavoratori dei call center, tenutasi mercoledi' a Roma, la presidente della Camera, Laura Boldrini, nel suo videomessaggio settimanale. ''Hanno titoli di studio elevati e professionalita'.

Eppure rischiano di rimanere a casa perche' le loro aziende, per essere competitive nelle gare d'appalto al massimo ribasso, sono tentate di andarsene fuori dall'Italia, dove il costo del lavoro e' ancora piu' compresso'', afferma Boldrini, aggiungendo: ''L'Europa ci puo' aiutare: recenti direttive dell'Unione sugli appalti vogliono scoraggiare questo meccanismo devastante, e spero che presto le potremo recepire nel nostro ordinamento''. com-sgr/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Pd
Pd, Cuperlo: calendario congresso è errore, voto negativo
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech