domenica 04 dicembre | 18:12
pubblicato il 10/set/2013 19:15

Camera: Boldrini incontra Associazione magistrati Corte dei Conti

Camera: Boldrini incontra Associazione magistrati Corte dei Conti

(ASCA) - Roma, set 10 - Il ritardo del Parlamento nella nomina dei componenti laici del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti e' stato al centro dell'incontro che la Presidente della Camera Laura Boldrini ha avuto con l'Associazione dei magistrati contabili. Lo rende noto un comunicato.

''Dopo la scadenza dell'organo di autogoverno, la Corte si trova attualmente in una situazione difficile, dovendo il Consiglio di Presidenza procedere, fra l'altro, alla nomina del Presidente della Corte, ponendo cosi' fine al protrarsi del periodo di vicariato al vertice dell'Istituto'' ha affermato Tommaso Miele, Presidente dell'Associazione Magistrati della Corte dei Conti. ''Confidiamo nel ruolo di garanzia della Presidenza della Camera per una rapida soluzione della questione, per poter continuare ad esercitare con pienezza le funzioni che la Costituzione assegna alla Corte nell'interesse dei cittadini''.

''Condivido profondamente la vostra determinazione ad impedire che possa farla franca chi pensa di sottrarre soldi allo Stato. E' necessario che voi siate messi in condizione di operare al meglio, in un Paese nel quale i fenomeni di corruzione sono cosi' diffusi'', ha replicato la Presidente Boldrini. ''Dall'inizio della legislatura per ben undici volte ho sollecitato alle nomine i gruppi parlamentari, che hanno l'esclusiva responsabilita' di queste decisioni.

Tornero' a porre la questione anche nella prossima riunione della conferenza dei capigruppo, perche' e' fondamentale dare ai cittadini il segnale che la trasparenza amministrativa e' un valore tutelato''.

L'Associazione magistrati della Corte dei Conti ha inoltre auspicato, in generale, una maggiore attenzione del Parlamento per l'assetto organizzativo e per il rafforzamento dei poteri dell'organo di autogoverno della magistratura contabile. Ha altresi' espresso viva preoccupazione per il cosiddetto ''condono erariale'' a vantaggio delle societa' che gestiscono il gioco elettronico, contenuto nel cosiddetto ''decreto Imu'', che sta arrivando all'esame della aula della Camera: ''siamo assolutamente rispettosi delle decisioni del legislatore - ha detto il Presidente Miele - ma consideriamo negativa la scelta di intervenire con il condono del 75 per cento quando gia' e' stata emessa la sentenza di condanna di primo grado. Cosi' si vanifica l'azione della magistratura contabile e si invia un segnale preoccupante all'opinione pubblica''. ''Vi ringrazio per la partecipazione con la quale svolgete questa vostra funzione, che e' di importanza primaria, tanto piu' ora che la crisi segna duramente la vita delle famiglie italiane'', ha affermato Laura Boldrini. Della delegazione dell'Associazione facevano parte, oltre al Presidente Tommaso Miele, anche il Segretario Generale Maria Teresa Polito, il Vicepresidente Donatella Scandurra ed il componente della Giunta Fabio Viola.

com-brm/mau/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari