domenica 04 dicembre | 13:43
pubblicato il 20/ago/2013 15:29

Camera: Boldrini, grave se non avessi convocato l'aula

Camera: Boldrini, grave se non avessi convocato l'aula

(ASCA) - Roma, 20 ago - ''Ho fatto semplicemente il mio lavoro, ne' piu' ne' meno. Non c'e' niente di eccezionale, anzi sarebbe stato eccezionale se non lo avessi fatto''. Cosi' il presidente della Camera, Laura Boldrini, ha risposto ai cronisti che, in Transatlantico, le chiedevano delle polemiche sulla seduta della Camera dei deputati convocata per oggi per 'comunicazioni del presidente' e per incardinare il decreto legge contro la violenza di genere. Protagonista quasi assoluto delle polemiche il Movimento Cinque Stelle che, con il deputato Carlo Sibilia, aveva accusato la Boldrini di aver convocato la seduta in questa data perche' ''comoda fra una vacanza e l'altra'', mentre il suo collega di partito Walter Rizzetto aveva 'denunciato' lo spreco di 200 mila euro per i costi di gestione dovuti alla convocazione di oggi. Soldi che secondo il deputato sarebbero potuti andare ad un'associazione di volontariato che si occupa di assistenza alle donne vittime di violenza. La presidente Boldrini ha replicato parlando di ''prese di posizione polemiche del tutto artificiose'', visto che la ''convocazione odierna e' un atto dovuto dal punto di vista costituzionale e non da' luogo a nessuna forzatura''. Per la Boldrini ''le polemiche che sono seguite'' alla convocazione dell'Aula ''sono del tutto inutili e pretestuose e non possono che nuocere a questa istituzione''. ''La seduta odierna'' infatti, ha spiegato, ''e' stata convocata come adempimento espressamente dettato dalla Costituzione, un obbligo istituzionale che si svolge secondo i principi dettati dall'ordinamento''. La Boldrini e' stata protagonista anche di uno scambio di battute con il deputato della Lega Nord Nicola Molteni che aveva accusato di 'protagonismo' la seconda carica dello Stato. ''La mia e' stata una comunicazione legittima. Non credo ci sia protagonismo. Non c'e' nulla di vanto ma un fatto'', ha spiegato il presidente della Camera che poi ha ricordato come in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook avesse spiegato che ''era prevedibile che la Camera dovesse riunirsi dopo il 20 agosto per presentazione di un decreto''. ''Non credo - ha ribadito - che questo sia protagonismo ma una comunicazione legittima''. Alla seduta erano presenti poco piu' di un centinaio di deputati, tra cui 23 del Movimento 5 Stelle. L'unico leader di partito presente e' stato il segretario del Pd Guglielmo Epifani. Il governo e' stato rappresentato in Aula dal ministro per i Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini. E proprio Franceschini ha difeso l'operato della presidente della Camera affermando, rivolgendosi alla stessa Boldrini, di non poterla ringraziare ''per aver convocato questa seduta perche' e' un atto dovuto. Noi ci siamo posti la questione'' della tempistica ''durante il Consiglio dei ministri perche' e' anomalo che un decreto venga pubblicato il 14 agosto ma abbiamo valutato che esistevano in questo caso piu' che mai le ragioni dell'urgenza, non solo per le norme sul femminicidio ma anche per gli altri temi contenuti nel decreto''. int/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari