venerdì 02 dicembre | 20:47
pubblicato il 14/dic/2013 17:51

Camera: Boldrini, arretratezza sessista su mio viaggio a Johannesburg

Camera: Boldrini, arretratezza sessista su mio viaggio a Johannesburg

(ASCA) - Roma, 14 dic - ''C'e' una forte l'impronta di una arretratezza sessista dura a morire nella vita pubblica italiana''. Lo afferma via Facebook la presidente della camera, Laura Boldrini, rispondendo alle critiche che le sono state mosse dopo il viaggio a Johannesburg per partecipare ai funerali di Nelson Mandela insieme con il suo compagno. ''Ci tengo a rispondere alle polemiche sollevate da alcuni organi di informazione in merito alla mia partecipazione, in qualita' di presidente della Camera, ad un evento storico e solenne come la commemorazione di Nelson Mandela a Johannesburg - scrive Boldrini -. Una cerimonia alla quale hanno doverosamente partecipato, con i loro accompagnatori, rappresentanti di tutti i Paesi del mondo. Ciascuno Stato ha deciso in autonomia la composizione della propria delegazione: c'erano autorita' di governo e vertici parlamentari, rappresentanti in carica ed ex esponenti delle istituzioni. Per me e per il mio staff non c'e' stata nessuna spesa di viaggio a carico del bilancio della Camera: siamo stati ospiti sul volo del Presidente del Consiglio dei Ministri. Ne' ci sono state spese di soggiorno: la delegazione ha viaggiato di notte, sia all'andata che al ritorno, anche perche' urgeva essere di ritorno a Montecitorio per non tralasciare i lavori d'aula. Infine, nessuna indennita' di missione''. Quindi la presidente della Camera prosegue: ''Ma le critiche si sono concentrate sulla partecipazione del mio compagno, ed e' soprattutto a queste che intendo replicare.

Dov'e' il problema, posto che la sua presenza non e' costata un euro, per le ragioni che ho spiegato? Ed e' bene che si sappia che, quando nei mesi scorsi ha avuto la possibilita' di accompagnarmi in qualche altra missione, si e' sempre pagato di tasca sua - come e' giusto - il viaggio in aereo di linea o in treno (i mezzi che uso piu' frequentemente per spostarmi). Al di la' di inesistenti ragioni economiche, credo proprio che il problema sia un altro, nelle polemiche di queste ore. A fare 'scandalo' e' il fatto che una donna delle istituzioni sia accompagnata da suo marito o dal suo compagno. Nessuno si sogna di contestare la presenza di una moglie o di una compagna al fianco dei vertici istituzionali di genere maschile''. ''In Italia come in tutto il mondo - conclude - da sempre persone con incarichi istituzionali viaggiano in coppia, senza che questo rappresenti uno scandalo. Lo fanno negli Stati Uniti come in Europa, in Asia come in Africa. Non amo l'ipocrisia, e dunque dico con nettezza che in queste critiche sento forte l'impronta di una arretratezza sessista dura a morire nella vita pubblica italiana. Per questo non ho voluto ignorare le polemiche: perche' penso che non riguardino solo me, ma lo spazio che a noi donne viene 'concesso' nell'Italia di oggi. C'e' ancora molta strada da fare''.

sgr/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: elezioni anticipate col Sì? Fantapolitica
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari