giovedì 23 febbraio | 13:04
pubblicato il 09/ott/2013 12:00

Camera accorcia a fine anno durata commissariamenti Province

Senza riordino entro il 31 dicembre saranno rinnovati i Consigli

Camera accorcia a fine anno durata commissariamenti Province

Roma, 9 ott. (askanews) - Con l'approvazione dela nuova legge contro il femmincidio l'aula di Montecitorio ha approvato anche la riduzione da giugno 2014 a fine 2013 dei commissariamenti delle Province, frutto dei decreti dei governo Monti e Letta che hanno disposto di commissariare e non rieleggere le Province, in attesa della loro abolizione con legge costituzionale o riordino delle funzioni. Se dunque entro l'anno non ci saranno nuovi e defenitivi interventi sulle Province, si dovrà procedere a nuove elezioni nelle Province. La norma, inserita nella legge di conversione del decreto omnibus su materia di competenza del ministero dell'Interno, passa ora all'esame del Senato per il varo definitivo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech