martedì 17 gennaio | 02:48
pubblicato il 09/ott/2013 12:00

Camera accorcia a fine anno durata commissariamenti Province

Senza riordino entro il 31 dicembre saranno rinnovati i Consigli

Camera accorcia a fine anno durata commissariamenti Province

Roma, 9 ott. (askanews) - Con l'approvazione dela nuova legge contro il femmincidio l'aula di Montecitorio ha approvato anche la riduzione da giugno 2014 a fine 2013 dei commissariamenti delle Province, frutto dei decreti dei governo Monti e Letta che hanno disposto di commissariare e non rieleggere le Province, in attesa della loro abolizione con legge costituzionale o riordino delle funzioni. Se dunque entro l'anno non ci saranno nuovi e defenitivi interventi sulle Province, si dovrà procedere a nuove elezioni nelle Province. La norma, inserita nella legge di conversione del decreto omnibus su materia di competenza del ministero dell'Interno, passa ora all'esame del Senato per il varo definitivo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello