martedì 21 febbraio | 11:05
pubblicato il 24/giu/2014 12:00

Calderoli: riforme in Aula non prima di metà luglio

Con Finocchiaro emendamento per giudizio Consulta su parlamentari

Calderoli: riforme in Aula non prima di metà luglio

Roma, 24 giu. (askanews) - "Anche se Renzi a Bruxelles potrà dire che le riforme sono in calendario dal 3 luglio noi non andremo in Aula prima della seconda metà di luglio, nssuno ha mai pensato che i tempi potessero essere più rapidi di così". Lo ha detto Roberto Calderoli, relatore insieme ad Anna Finocchiaro, del ddl di riforma del Senato e del titolo V. "Io credo che il testo verrà esaminato in commissione fino al 15 luglio e poi andrà in Aula" ha spiegato l'esponente della Lega ricordando che solo domani alle 18 scade il termine per presentare i subemendamenti. Calderoli ha anche anunciato che insieme alla Finocchiaro presenteranno una proposta di modifica sull'immunità parlamentare che prevede il giudizio di una sezione speciale della Corte costituzionali sui parlamentari coinvolti in vicende giudiziarie. "Non si può affidare ad una maggioranza politica il destino di un parlamentare, meglio rivolgersi a un giudice terzo", ha osservato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd, Rossi: nasceranno nuovi gruppi parlamentari pro governo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia