lunedì 27 febbraio | 00:48
pubblicato il 01/ott/2011 13:36

Calderoli: Presto riforma federalista o autodeterminazione

Ok a ddl entro estate prossima, non c'è traccia che mini unità

Calderoli: Presto riforma federalista o autodeterminazione

Roma, 1 ott. (askanews) - Approvare entro l'estate 2012 il ddl di riforma federale dello Stato, in cui "non vi è traccia di nulla che possa minare l'unità nazionale", è questa "l'unica alternativa all'autodeterminazione dei popoli". Lo ha detto il ministro leghista Roberto Calderoli, ritornando ancora sul monito del capo dello Stato contro le idee secessioniste. "Fermo restando che l'articolo 139 della Costituzione prevede che solo e unicamente 'la forma repubblicana' non possa essere oggetto di revisione costituzionale e che conseguentemente potrebbero esserlo gli aggettivi di cui al primo periodo dell'articolo 5, è bene ricordare che nella proposta di revisione costituzionale da noi presentata - proposta che prevede la trasformazione in senso federale dello Stato, il dimezzamento del numero dei parlamentari e la revisione della forma di Stato e di Governo - non vi è traccia di nulla che possa minare l'unità nazionale", afferma Calderoli in una nota. "L'unica alternativa all'autodeterminazione dei popoli - diritto riconosciuto da un organismo internazionale che non si può tirare in ballo soltanto per la missione di pace in Libia, per poi dimenticarsene per tutto il resto - è la trasformazione in senso federale dello Stato, per fare sì che il cittadino venga trattato come tale e non come suddito", aggiunge. Calderoli ricorda che "la settimana prossima la proposta di riforma costituzionale, approvata dal Governo, verrà trasmessa al Senato: dedichiamo i due mesi previsti dal regolamento per l'esame in commissione e, ragionevolmente, la si potrà approvare in aula entro dicembre 2011. La Camera dei deputati - prosegue indicando il timing possibile per il provvedimento - potrebbe poi esaminare nei primi tre mesi del 2012 la proposta ed approvarla in prima lettura già nel mese di marzo. A quel punto utilizziamo i novanta giorni di intervallo previsti tra la prima e la seconda lettura per approvare una riforma della legge elettorale, una riforma necessaria non tanto per evitare il referendum quanto per adeguare il sistema elettorale ai principi della nuova forma di Stato e di Governo conseguenti alla riforma costituzionale". "Giugno e luglio 2012 possono essere i mesi giusti per la seconda lettura e l'approvazione definitiva della riforma, completando così il cammino delle riforme entro l'estate 2012. Così vedremo chi raccoglierà la sfida delle riforme e chi riformista lo è davvero e non soltanto a parole", conclude Calderoli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech