lunedì 05 dicembre | 05:53
pubblicato il 11/mag/2015 14:22

Buona scuola verso aula Camera, infuria polemica Boschi-sindacati

Domani si vota mandato a relatore, da giovedì esame in assemblea

Buona scuola verso aula Camera, infuria polemica Boschi-sindacati

Roma, 11 mag. (askanews) - Chiusi i lavori sul testo in commissione Cultura il ddl sulla "buona scuola" si prepara ad approdare in aula alla Camera. Concluso l'esame degli emendamenti si attende ora il parere delle commissioni coinvolte (praticamente tutte tranne la Difesa) ed è previsto per domani sera il voto sul mandato al relatore. Giovedì 14 maggio il provvedimento sarà all'attenzione dell'aula di Montecitorio per il voto delle pregiudiziali di costituzionalità, poi l'esame della riforma in aula che secondo le intenzioni della maggioranza dovrebbe concludersi con il voto finale il 19 maggio. Ma la tensione tra il governo, i sindacati e le opposizioni resta alta.

Dopo le parole del ministro Maria Elena Boschi secondo la quale la scuola "non funziona" se è solo in mano ai sindacati una prima risposta giunge dalla leader della Cgil Susanna Camusso e dal segretario Cisl Anna Maria Furlan. "Visti i risultati dello sciopero del 5 maggio c'è poco da delegittimare - osserva Furlan -: le piazze piene hanno detto che il problema della scuola non sono i sindacati, ma le scelte sbagliate del governo. Sarebbe il caso che il governo ne prendesse atto, ci convocasse e la smettesse di fare tutto da solo". "Viene il sospetto - attacca Camusso - che tanta arroganza che il governo mette nel negare le ragioni delle lavoratrici e dei lavoratori della scuola sia il segno che in realtà siano loro a non avere un progetto". Controrisposta dal Pd tramite la responsabile scuola Francesca Puglisi: "Quello che non va giù ai sindacati sono i 200 milioni aggiuntivi per premiare gli insegnanti meritevoli. I sindacati vorrebbero inserirli nella contrattazione, decidere loro, in pratica, come erogarli".

Due gli aspetti principali della riforma: il piano assunzioni che le opposizioni, da Sel al Movimento cinque stelle ad esponenti della minoranza dem, chiedono di scorporare dal resto e inserire in un decreto, e l'organizzazione della scuola nel senso della piena realizzazione dell'autonomia (già messa in cantiere dalla riforma Berlinguer). Dal prossimo settembre saranno immessi in ruolo, conquistando il posto fisso, 100.701 docenti, nel 2016 si passerà ad assunzioni per concorso aperto ai soli abilitati all'insegnamento e che tiene conto del fabbisogno espresso dalle istituzioni colastiche nei piani triennali dell'offerta formativa.

In commissione sono stati recepiti emendamenti dem e non solo riguardo ai poteri del preside al centro di critiche e polemiche. Nella prima versione del ddl si prevedeva che il piano dell'offerta formativa fosse definito dal dirigente, sentendo gli organi collegiali. La Commissione ha introdotto una nuova procedura: il dirigente formula gli indirizzi, ma è il Collegio docenti ad elaborare il Pof ed il Consiglio di Istituto (dove siedono insieme studenti, famiglie, docenti e personale Ata) ad approvarlo. Inoltre i dirigenti saranno valutati dagli ispettori (il cui contingente viene aumentato per questa ragione). Sul tema "idonei": coloro che sono inseriti nella graduatoria di merito del concorso 2012 saranno assunti a tempo indeterminato con decorrenza giuridica ed economica dal primo settembre 2016. La loro assunzione avviene nel limite dei posti dell'organico dell'autonomia vacanti e disponibili con priorità rispetto ad ogni altra graduatoria di merito. E' stato inoltre previsto un piano straordinario di mobilità per i docenti già in ruolo sul 100% dei posti disponibili per l'anno 2016-17.

Nel testo iniziale del ddl, poi, era previsto che fosse il dirigente scolastico, sentito il consiglio di istituto, ad assegnare annualmente le premialità ai docenti (fondo totale: 200 milioni). La Commissione ha introdotto un Comitato di Valutazione individuato dal consiglio di istituto, costituito da due docenti e due rappresentanti dei genitori o un rappresentante degli studenti e uno dei genitori per il secondo ciclo. Questo comitato individua i criteri per la valorizzazione dei docenti.

Modifiche che non hanno convinto nè nel merito nè nel metodo le opposizioni che continuano a chiedere maggior ascolto nei confronti delle proposte del mondo della scuola, l'abolizione di qualsiasi finanziamento per le paritarie e dicono "no al preside-manager". "Come avevamo più volte denunciato - spiega il capogruppo di Sel alla Camera Arturo Scotto - le aperture del Pd erano solo uno specchietto per le allodole e le parole della Boschi e della Puglisi lo dimostrano. Una vera e propria operazione di distrazione di massa che ha nascosto la reale intenzione del Pd e del governo: andare avanti senza cambiare nulla".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari