domenica 04 dicembre | 01:01
pubblicato il 14/dic/2015 19:23

Brunetta annuncia la mozione anti-Boschi. Ma è maretta in Fi

Partito diviso. Quando il capogruppo diceva: strumento sbagliato

Brunetta annuncia la mozione anti-Boschi. Ma è maretta in Fi

Roma, 14 dic. (askanews) - Ormai è uno schema che si ripete: si annuncia un'iniziativa, il partito si divide, partono i fuochi incrociati, si attende una parola definitiva di Berlusconi. Ed è quello che dentro Forza Italia sta succedendo anche in queste ore sul nodo della mozione di sfiducia individuale su Maria Elena Boschi.

Appena ieri, il capogruppo alla Camera Renato Brunetta aveva annunciato che gli azzurri erano intenzionati a procedere su questa strada sulla scia degli altri partiti di opposizione, compresa la Lega di Matteo Salvini. "Saranno le Camere, democraticamente e di fronte al Paese, a stabilire - spiegava l'ex ministro berlusconiano nella sua nota - se un ministro della Repubblica può avere conflitti d'interesse così rilevanti e continuare ad occupare tranquillamente la sua poltrona nell'esecutivo".

Se, però, oggi il M5s è passato dalle parole ai fatti con tanto di conferenza stampa per l'annuncio, dentro Forza Italia ancora nulla è stato messo nero su bianco. "Non abbiamo ancora i numeri, ora siamo impegnati sulla legge di stabilità", spiegano dallo staff di Brunetta. Eppure, sotto, ci sarebbe qualcos'altro. E, tanto per cambiare, avrebbe a che fare con la guerra di fazioni ormai endemica in Forza Italia. In molti, infatti, non sarebbero d'accordo con questa strategia.

L'unico a dichiararlo pubblicamente è il senatore Altero Matteoli, simbolo della vecchia guardia. "Di solito - sottolinea - le mozioni di sfiducia individuali contro i ministri hanno finito per rafforzarli. Anche nel caso di Maria Elena Boschi sarà così. Mi sembra abbastanza scontato e quindi auspico da parte di Forza Italia un attimo di riflessione prima di condividere questa mozione". Non sarebbe tuttavia l'unico a pensarla così. Qualche deputato si sarebbe anche rivolto a Brunetta per chiedere lumi e si sarebbe sentito rispondere: "è una strategia concordata con il presidente".

Eppure - fanno notare alcuni parlamentari azzurri - non troppo tempo fa era stato lo stesso capogruppo della Camera a mostrare le sue perplessità sull'uso della mozione di sfiducia individuale. Era il novembre dello scorso anno e in quel caso l'aula era chiamata a esprimersi su Angelino Alfano. E in quell'occasione così parlò Brunetta: "Non abbiamo mai creduto allo strumento della mozione di sfiducia individuale, nemmeno alla sua piena costituzionalità".

Il punto è che dentro Forza Italia, ormai, non c'è nulla che non sia un pretesto per dividersi: c'è il cerchio magico, la vecchia guardia, gli emergenti che cercano di portare avanti una battaglia interna ma anche chi tenta solo di mantenere la propria posizione. A queste categorie si aggiungono e sovrappongono anche le differenti strategie verso l'esterno: chi guarda alla Lega, chi vorrebbe ripristinare il patto del Nazareno e chi, invece, spera di riunire i moderati rimettendo insieme anche i cocci con Ncd.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari