martedì 21 febbraio | 17:42
pubblicato il 14/dic/2015 19:23

Brunetta annuncia la mozione anti-Boschi. Ma è maretta in Fi

Partito diviso. Quando il capogruppo diceva: strumento sbagliato

Brunetta annuncia la mozione anti-Boschi. Ma è maretta in Fi

Roma, 14 dic. (askanews) - Ormai è uno schema che si ripete: si annuncia un'iniziativa, il partito si divide, partono i fuochi incrociati, si attende una parola definitiva di Berlusconi. Ed è quello che dentro Forza Italia sta succedendo anche in queste ore sul nodo della mozione di sfiducia individuale su Maria Elena Boschi.

Appena ieri, il capogruppo alla Camera Renato Brunetta aveva annunciato che gli azzurri erano intenzionati a procedere su questa strada sulla scia degli altri partiti di opposizione, compresa la Lega di Matteo Salvini. "Saranno le Camere, democraticamente e di fronte al Paese, a stabilire - spiegava l'ex ministro berlusconiano nella sua nota - se un ministro della Repubblica può avere conflitti d'interesse così rilevanti e continuare ad occupare tranquillamente la sua poltrona nell'esecutivo".

Se, però, oggi il M5s è passato dalle parole ai fatti con tanto di conferenza stampa per l'annuncio, dentro Forza Italia ancora nulla è stato messo nero su bianco. "Non abbiamo ancora i numeri, ora siamo impegnati sulla legge di stabilità", spiegano dallo staff di Brunetta. Eppure, sotto, ci sarebbe qualcos'altro. E, tanto per cambiare, avrebbe a che fare con la guerra di fazioni ormai endemica in Forza Italia. In molti, infatti, non sarebbero d'accordo con questa strategia.

L'unico a dichiararlo pubblicamente è il senatore Altero Matteoli, simbolo della vecchia guardia. "Di solito - sottolinea - le mozioni di sfiducia individuali contro i ministri hanno finito per rafforzarli. Anche nel caso di Maria Elena Boschi sarà così. Mi sembra abbastanza scontato e quindi auspico da parte di Forza Italia un attimo di riflessione prima di condividere questa mozione". Non sarebbe tuttavia l'unico a pensarla così. Qualche deputato si sarebbe anche rivolto a Brunetta per chiedere lumi e si sarebbe sentito rispondere: "è una strategia concordata con il presidente".

Eppure - fanno notare alcuni parlamentari azzurri - non troppo tempo fa era stato lo stesso capogruppo della Camera a mostrare le sue perplessità sull'uso della mozione di sfiducia individuale. Era il novembre dello scorso anno e in quel caso l'aula era chiamata a esprimersi su Angelino Alfano. E in quell'occasione così parlò Brunetta: "Non abbiamo mai creduto allo strumento della mozione di sfiducia individuale, nemmeno alla sua piena costituzionalità".

Il punto è che dentro Forza Italia, ormai, non c'è nulla che non sia un pretesto per dividersi: c'è il cerchio magico, la vecchia guardia, gli emergenti che cercano di portare avanti una battaglia interna ma anche chi tenta solo di mantenere la propria posizione. A queste categorie si aggiungono e sovrappongono anche le differenti strategie verso l'esterno: chi guarda alla Lega, chi vorrebbe ripristinare il patto del Nazareno e chi, invece, spera di riunire i moderati rimettendo insieme anche i cocci con Ncd.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia