sabato 10 dicembre | 08:21
pubblicato il 06/mar/2012 05:10

Bossi,parole-shock contro Monti:rischia vita, Nord lo farà fuori

Spero che i miei figli non canteranno l'inno di Mameli

Bossi,parole-shock contro Monti:rischia vita, Nord lo farà fuori

Piacenza, 6 mar. (askanews) - "Rischia la vita, perché il nord lo farà fuori". Ha replicato così, il leader della Lega Umberto Bossi, a chi gli ha chiesto, al suo arrivo a Piacenza, prima di un comizio, se il premier Monti proseguirà anche anche dopo il 2013 sostenuto da Berlusconi. "Adesso - ha aggiunto Bossi - il nord sta riempiendosi di mafiosi in soggiorno obbligato, prima o dopo qualcuno si decide a impiccarli in pubblica piazza", ha detto riferendosi alla recente decisione della magistratura di consentire il trasferimento di Salvatore Riina jr a Padova, dove rimarrà in libertà vigilata. L'inno di Mameli obbligatorio nelle scuole? "Spero che non lo cantino i miei figli", ha aggiunto Bossi con riferimento all'accordo raggiunto in Commissione cultura della Camera e che potrebbe ottenere presto il via libera di Montecitorio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina