mercoledì 22 febbraio | 19:30
pubblicato il 19/mag/2011 05:10

Bossi:Leale ma non affondo con Pdl.Governo 5 volte sotto a Camera

Responsabili 'avvertono' Berlusconi e non votano

Bossi:Leale ma non affondo con Pdl.Governo 5 volte sotto a Camera

Roma, 19 mag. (askanews) - Governo battuto cinque volte alla Camera, Bossi che non si sbilancia su ripercussioni per il voto alle amministrative ma assicura che non si farà trascinare a fondo dal Pdl. Una maggioranza in ballo, che per il Pd di fatto non c'è più e che mostra crepe anche nel gruppo di sostegno Responsabili, assenti in Aula ai primi voti stamani e a rischio implosione. La Lega non scopre troppo le carte. Per ora il Governo tiene, si illude - dice Umberto Bossi - arrabbiato più di tutti per la debacle al Nord, chi pensa ci siano conseguenze sul governo. Ma sul lungo periodo una cosa è certa, il Carroccio "non affonda con il Pdl". La maggioranza accusa il colpo delle amministrative e traballa, come provano i voti di oggi alla Camera: quattro sconfitte stamani, con la maggioranza sotto sulle mozioni per la situazione carceri; per Angelino Alfano, "normale rilassatezza" post amministrative. Ma il segnale è chiaro, e si ripete nel pomeriggio, con il Governo battuto su un ordine del giorno presentato da Italia dei Valori, relativo alla legge di ratifica della Convenzione di Oslo sulla messa al bando delle bombe a grappolo. Il Pd chiede le dimissioni del Governo, per il segretario Pd Bersani "è un fatto che la maggioranza non regge". Il malessere è anche nei Responsabili, assenti in 12 stamani in Aula: traballano un po per l'esito del voto, un po per lo scontento degli esclusi dal rimpasto: il gruppo alla Camera potrebbe implodere ed è atteso per la prossima settimana il lancio di una 'federazione del Sud' da parte di alcuni parlamentari di Noi Sud, con l'obiettivo, subito dopo il secondo turno, di costituire un nuovo gruppo alla Camera di impronta meridionalista. Intanto si guarda al ballottaggio e la maggioranza rinvia ad allora su tutti i fronti aperti: sul biotestamento, alla Camera, per evitare, ha spiegato il capogruppo Pdl Cicchitto, "tensioni" e "strumentalizzazioni" della campagna elettorale. Rinvio anche, sia al Senato che alla Camera, per la verifica sulla nuova composizione della maggioranza di governo chiesta dal Presidente Napolitano. E pure sull'atto di indirizzo per il pluralismo in tv, decisione questa presa in accordo con l'opposizione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech