domenica 04 dicembre | 16:12
pubblicato il 19/mag/2011 05:10

Bossi:Leale ma non affondo con Pdl.Governo 5 volte sotto a Camera

Responsabili 'avvertono' Berlusconi e non votano

Bossi:Leale ma non affondo con Pdl.Governo 5 volte sotto a Camera

Roma, 19 mag. (askanews) - Governo battuto cinque volte alla Camera, Bossi che non si sbilancia su ripercussioni per il voto alle amministrative ma assicura che non si farà trascinare a fondo dal Pdl. Una maggioranza in ballo, che per il Pd di fatto non c'è più e che mostra crepe anche nel gruppo di sostegno Responsabili, assenti in Aula ai primi voti stamani e a rischio implosione. La Lega non scopre troppo le carte. Per ora il Governo tiene, si illude - dice Umberto Bossi - arrabbiato più di tutti per la debacle al Nord, chi pensa ci siano conseguenze sul governo. Ma sul lungo periodo una cosa è certa, il Carroccio "non affonda con il Pdl". La maggioranza accusa il colpo delle amministrative e traballa, come provano i voti di oggi alla Camera: quattro sconfitte stamani, con la maggioranza sotto sulle mozioni per la situazione carceri; per Angelino Alfano, "normale rilassatezza" post amministrative. Ma il segnale è chiaro, e si ripete nel pomeriggio, con il Governo battuto su un ordine del giorno presentato da Italia dei Valori, relativo alla legge di ratifica della Convenzione di Oslo sulla messa al bando delle bombe a grappolo. Il Pd chiede le dimissioni del Governo, per il segretario Pd Bersani "è un fatto che la maggioranza non regge". Il malessere è anche nei Responsabili, assenti in 12 stamani in Aula: traballano un po per l'esito del voto, un po per lo scontento degli esclusi dal rimpasto: il gruppo alla Camera potrebbe implodere ed è atteso per la prossima settimana il lancio di una 'federazione del Sud' da parte di alcuni parlamentari di Noi Sud, con l'obiettivo, subito dopo il secondo turno, di costituire un nuovo gruppo alla Camera di impronta meridionalista. Intanto si guarda al ballottaggio e la maggioranza rinvia ad allora su tutti i fronti aperti: sul biotestamento, alla Camera, per evitare, ha spiegato il capogruppo Pdl Cicchitto, "tensioni" e "strumentalizzazioni" della campagna elettorale. Rinvio anche, sia al Senato che alla Camera, per la verifica sulla nuova composizione della maggioranza di governo chiesta dal Presidente Napolitano. E pure sull'atto di indirizzo per il pluralismo in tv, decisione questa presa in accordo con l'opposizione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari