lunedì 23 gennaio | 16:07
pubblicato il 09/mag/2011 08:19

Bossi si smarca ancora da Berlusconi: non concordo su guerra a pm

Oggi Premier in Tribunale da 'pm-cancro'.Napolitano difende toghe

Bossi si smarca ancora da Berlusconi: non concordo su guerra a pm

Roma, 9 mag. (askanews) - "Quella roba lì io non la penso. Credo che ogni tanto c'è qualcuno che rompe le scatole, però non sono tutti uguali". Poche ore prima del ritorno del premier Silvio Berlusconi da imputato nelle aule del tribunale di Milano nel processo Mills e meno di un'ora dopo il nuovo affondo del presidente del Consiglio da Olbia all'indirizzo dei "pm cancro della democrazia" e corresponsabili con le sinistre per "il clima da guerra civile" che accompagna la campagna elettorale per le amministrative, il leader della Lega Umberto Bossi si è di nuovo smarcato da Berlusconi. Scenario della seconda presa di distanze in pochi giorni (la prima erano state le scuse al Quirinale e la piena condivisione della presa di posizione di Giorgio Napolitano sulla necessità di chiariemnto parlamentare su nuovi sottosegretari e nuiova maggioranza di governo), è stato il comizio del leader della Lega ieri sera a Bologna, con al fianco il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, a sostegno di Manes Bernardini, candidato imposto dal Carroccio al centrodestra per la "mission impossible" di provare a espugnare per la seconda volta Bologna, roccaforte del centrosinistra. "In Italia - aveva detto poco prima a Olbia Berlusconi - c'è una 'guerra civile' che si basa su "insulti e calunnie di cui veniamo fatti oggetto" e questo "è terrificante" così come "l'uso del diritto contro colui che la sinistra considera il suo nemico politico". Incurante della difesa dei giudici che, oltre a Bossi, nella stessa giornata di ieri avevano voluto pubblicamente assumere il capo dello Stato Napolitano. "No alla violenza e alla rottura della legalità in qualsiasi modo: è un imperativo da non tascurare in alcun momento", ha affermato il capo dello Stato prendendo le parti di "chi ha difeso la legalità in ogni modo e a ogni costo", alla vigilia della cerimonia di oggi al Quirinale in cui si dedica ai magistrati vittime di terrorismo e mafia la Giornata della memoria. "Non riesco a pensare - ha replicato a Berlusconi il presidente della Camera Gianfranco Fini- che un presidente del Consiglio continui a voler delegittimare un'altra istituzione come la magistratura che non può e non deve essere considerata un nemico". Contro Berlusconi, infine, anche il vicepresidente del Csm Michele Vietti. "La magistratura - ha ricordato - ha conosciuto il sacrificio dei suoi eroi, pagando un elevato tributo di sangue".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Il Mascagni Luxury Dépendance entra nel circuito Space Hotels
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Samsung: incidenti del Galaxy Note 7 causati da batteria
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4