domenica 22 gennaio | 07:04
pubblicato il 19/giu/2011 20:16

Bossi non strappa, ma avverte premier. Berlusconi:Governo avanti

Senatùr lo sfida su 2013, Cavaliere: Esecutivo avrà fiducia

Bossi non strappa, ma avverte premier. Berlusconi:Governo avanti

Roma, 19 giu. (askanews) - Nessuno strappo dal prato verde di Pontida, solo una nuova agenda firmata Umberto Bossi e un avvertimento a Silvio Berlusconi: la tua premiership non è scontata, anche in vista del 2013. Il senatùr, parlando davanti alla platea leghista di Pontida non ha rotto l'alleanza, anche se ha sollecitato il presidente del Consiglio e il ministro dell'Economia a un deciso cambio di passo. A sera è arrivata la risposta del Cavaliere: l'esecutivo va avanti, è lo stesso Bossi a confermare la mancanza di aletrnative. L'agenda del leader della Lega comprende interventi per alleggerire la pressione fiscale e premiare i Comuni virtuosi del Nord, recuperando risorse oggi spese per le missioni all'estero. E include anche lo spostamento di quattro ministeri nel Settentrione. La sintesi comprende quindi un avvertimento all'alleato di Arcore: "La Lega non è contro leadership di Berlusconi, ma non è detto che alle prossime lezioni andremo con Berlusconi, dipenderà dalle scelte che verranno fatte". La folla di Pontida grida secessione, ma Berlusconi ha gioco facile a trarre comunque conclusioni politiche positive. Lo fa a sera, dopo una visita ad alcuni militari feriti in Afghanistan: "Si e' verificato quello che Bossi mi aveva annunciato: assolutamente la conferma che la nostra allenza non ha alternative e che c'e' la volonta' di proseguire la legislatura, operando scelte sulle quali c'e' un accordo consolidato". Il premier ha promesso di accogliere nell'intervento che pronuncerà la prossima settimana alle Camere per la fiducia "alcune delle richieste" del Carroccio. Poi ha lasciato spazio a una professione di ottimismo: "Non abbiamo nessun dubbio" sul fatto che la maggioranza in Parlamento "ci manterrà la sua fiducia", e "quindi andremo avanti". Uniche voci fuori dal coro quelle dei 'romani' Gianni Alemanno e Renata Polverini. Entrambi fortemente ostili alla proposta di spostare i ministeri al Nord, hanno annunciato una raccolta di firme e una mozione parlamentare per frenare il progetto leghista. La presidente della Regione Lazio ha auspicato un intervento del Colle, mentre il sindaco della Capitale ha bollato l'iniziativa del Carroccio senza mezzi termini: "E' una boiata".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4