martedì 28 febbraio | 11:46
pubblicato il 20/gen/2016 15:29

Boschi: Carrai? Servizi restano ma governo può usare consulenti

"Autorità politica preposta resta il sottosegretario Minniti"

Boschi: Carrai? Servizi restano ma governo può usare consulenti

Roma, 20 gen. (askanews) - Non è in programma la creazione di una nuova superstruttura per la sicurezza informatica, la supervisione dei servizi segreti resta in capo al sottosegretario Minniti ma il Governo potrebbe utilizzare un consulente per la cybersecurity. Lo ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi (Pd), rispondendo a una interrogazione di Sinistra italiana sul caso di Marco Carrai, imprenditore del settore della sicurezza e uomo da sempre considerato molto vicino a Matteo Renzi. Nei giorni scorsi per Carrai si era parlato di una nomina a capo di un nuovo servizio specializzato nella sicurezza cibernetica.

"La legge di stabilità del 2016 - ha sottolineato il ministro - ha previsto uno stanziamento di un fondo di ulteriori 150 milioni di euro su proposta del Governo, che il Parlamento ha approvato, proprio per rafforzare quella che è la prevenzione nel campo della sicurezza informatica e quella cibernetica. Anche alla luce degli eventi tragici che tutti ricordiamo, quindi una prevenzione collegata al fenomeno del terrorismo internazionale. La legge di stabilità del 2016 prevede quindi risorse aggiuntive ma non prevede alcuna modifica del quadro normativo di riferimento che disciplina la gestione di queste risorse e tantomeno il quadro normativo di riferimento per i servizi di sicurezza o legati anche eventualmente alla prevenzione informatica. Tanto è vero che la ripartizione di queste risorse avverrà su decreto del presidente del Consiglio ma previa deliberazione del Comitato interministeriale per la sicurezza del Repubblica sentiti i responsabili di Dis, Aise ed Aisi e ovviamente sarà comunque reso edotto il Copasir sulle scelte che verranno effettuate riguardo alla destinazione di queste risorse".

"La legge di stabilità, quindi, rammento che - ha proseguito Boschi - da un lato ha implementato le risorse, dall'altro non ha modificato il quadro normativo di riferimento. Rassicuro quindi l'onorevole interrogante che non è prevista alcuna forma di partecipazione di strutture private da questo punto di vista. Anzi, ribadiamo che l'unica autorità politica che è preposta ala gestione dei servizi di sicurezza è stato, è e sarà il senatore Marco Minniti, che è legato al presidente del Consiglio e a tutto il Governo da rapporti di piena stima e fiducia".

"Ovviamente, il Governo, così come le altre istituzioni, ha facoltà - ha sottolineato il ministro - di avvalersi di consulenze di carattere tecnico, scegliendo tra vari profili. Laddove il Governo decidesse di avvalersi di altre figure di consulenza tecnica gli onorevoli interroganti hanno tutti gli strumenti consentiti dalla legge e dai regolamenti per chiedere ulteriori informazioni e il Governo provvederà a rispondere celermente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech