mercoledì 07 dicembre | 16:04
pubblicato il 20/gen/2016 15:29

Boschi: Carrai? Servizi restano ma governo può usare consulenti

"Autorità politica preposta resta il sottosegretario Minniti"

Boschi: Carrai? Servizi restano ma governo può usare consulenti

Roma, 20 gen. (askanews) - Non è in programma la creazione di una nuova superstruttura per la sicurezza informatica, la supervisione dei servizi segreti resta in capo al sottosegretario Minniti ma il Governo potrebbe utilizzare un consulente per la cybersecurity. Lo ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi (Pd), rispondendo a una interrogazione di Sinistra italiana sul caso di Marco Carrai, imprenditore del settore della sicurezza e uomo da sempre considerato molto vicino a Matteo Renzi. Nei giorni scorsi per Carrai si era parlato di una nomina a capo di un nuovo servizio specializzato nella sicurezza cibernetica.

"La legge di stabilità del 2016 - ha sottolineato il ministro - ha previsto uno stanziamento di un fondo di ulteriori 150 milioni di euro su proposta del Governo, che il Parlamento ha approvato, proprio per rafforzare quella che è la prevenzione nel campo della sicurezza informatica e quella cibernetica. Anche alla luce degli eventi tragici che tutti ricordiamo, quindi una prevenzione collegata al fenomeno del terrorismo internazionale. La legge di stabilità del 2016 prevede quindi risorse aggiuntive ma non prevede alcuna modifica del quadro normativo di riferimento che disciplina la gestione di queste risorse e tantomeno il quadro normativo di riferimento per i servizi di sicurezza o legati anche eventualmente alla prevenzione informatica. Tanto è vero che la ripartizione di queste risorse avverrà su decreto del presidente del Consiglio ma previa deliberazione del Comitato interministeriale per la sicurezza del Repubblica sentiti i responsabili di Dis, Aise ed Aisi e ovviamente sarà comunque reso edotto il Copasir sulle scelte che verranno effettuate riguardo alla destinazione di queste risorse".

"La legge di stabilità, quindi, rammento che - ha proseguito Boschi - da un lato ha implementato le risorse, dall'altro non ha modificato il quadro normativo di riferimento. Rassicuro quindi l'onorevole interrogante che non è prevista alcuna forma di partecipazione di strutture private da questo punto di vista. Anzi, ribadiamo che l'unica autorità politica che è preposta ala gestione dei servizi di sicurezza è stato, è e sarà il senatore Marco Minniti, che è legato al presidente del Consiglio e a tutto il Governo da rapporti di piena stima e fiducia".

"Ovviamente, il Governo, così come le altre istituzioni, ha facoltà - ha sottolineato il ministro - di avvalersi di consulenze di carattere tecnico, scegliendo tra vari profili. Laddove il Governo decidesse di avvalersi di altre figure di consulenza tecnica gli onorevoli interroganti hanno tutti gli strumenti consentiti dalla legge e dai regolamenti per chiedere ulteriori informazioni e il Governo provvederà a rispondere celermente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Governo
Renzi: governo istituzionale ma largo, sennò non temo voto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni