mercoledì 25 gennaio | 00:52
pubblicato il 18/apr/2014 10:49

Bonus Irpef: Brunetta, e' mancia elettorale

Bonus Irpef: Brunetta, e' mancia elettorale

(ASCA) - Roma, 18 apr 2014 - ''L'unica cosa che vedo attuata e' una forma di laurismo, nel senso di Achille Lauro: una mancia elettorale, questi 80 euro o quanti saranno. Una cosa devastante per i conti''. Cosi' Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera commenta su 'Il Foglio', il bonus Irpef che dovrebbe essere varato oggi dal Consiglio dei Ministri.

''Basta con la televendita'', dice Brunetta sostenendo che ''non e' questione di rigorismo, ma di difesa della Costituzione, vedi all'articolo 81, e di procedure e regole.

Non e' Renzi quello che vuole seguire le regole? Nelle comunicazioni con la Commissione europea ci sono procedure previste dalla normativa nazionale (la legge n. 243/2012) ed europea. Qui non sono state rispettate''. Ma non sara' solo questione di procedure ma anche di ''sostanza. Quando Alesina e Giavazzi, o altri, parlano di attivare un ''contractual agreement' - spiega Brunetta - parlano di un accordo bilaterale in cui si chiede una dilazione sui tempi di rientro sul debito, ma mettendo sul piatto una serie precisa di riforme gia' decise che garantiscano sull'uso di quell'accordo. Dov'e' tutto questo? E quali sarebbero invece le possibili conseguenze sulla nostra finanza di questa ''notifica?''. Poi, a ben guardare, continua il capogruppo di FI, ''il pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione e' gia' stato riconosciuto ''fattore attenuante' per la valutazione della conformita' del bilancio dello stato con i criteri di deficit e debito del Patto di stabilita'. Viceversa, nella lettera non c'e' alcuna spiegazione dettagliata del piano di rientro verso l'obiettivo programmatico richiesto. E a fronte di un peggioramento dei saldi di finanza pubblica, come fara' Padoan a giustificare il decreto per il bonus Irpef?''. Il Def, sottolinea Brunetta, ''e' stato approvato al Senato con 156 voti di maggioranza. Il che vuol dire che di fatto il governo non ha la maggioranza assoluta in una Camera.

Immaginiamoci cosa potra' succedere sulla riforma elettorale, quella del Senato stesso, del Titolo V, o sull'abrogazione del Cnel''. Ma e' soprattutto il contenuto del Def a non piacere a Brunetta. ''Arriva un decreto, sull'Irpef, mi dicono di quasi 45 articoli, disomogeneo. E gia' voglio vedere come fara' il presidente Napolitano, in passato cosi' scrupoloso su queste cose, a firmarlo'', conclude.

red-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4