sabato 25 febbraio | 13:15
pubblicato il 17/mar/2012 11:33

Boni/ Bossi: Vicenda messa in piedi da un balordo

Spartizione Lega-Pdl? No sentore. Giudici fanno quel che devono

Boni/ Bossi: Vicenda messa in piedi da un balordo

Sarego (Vi), 17 mar. (askanews) - Il caso Boni "sta diventando pesante grazie a voi giornalisti", "è messo in piedi da un balordo": nessuna spartizione tra Lega e Pdl, Umberto Bossi non ne ha mai avuto "sentore". Lo ha sottolineato proprio il leader della Lega, parlando dell'inchiesta che coinvolge il presidente del Consiglio regionale, Davide Boni, su presunte tangenti. A margine della riunione del 'parlamento della Padania' che si svolge a Sarego (Vicenza), Bossi ha puntualizzato di non credere a spartizioni tra Lega e Pdl nella Regione Lombardia. "Non credo - ha spiegato - alla spartizione tra Pdl e Lega di cui si parla. Non ho mai avuto sentore di robe del genere. E' una cosa messa in piedi da un balordo. La magistratura - ha concluso Bossi - farà quello che deve, staremo a vedere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Aborto
Aborto, Bindi: bene Zingaretti, se Lorenzin non d'accordo lasci
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech