mercoledì 18 gennaio | 16:06
pubblicato il 25/gen/2011 15:54

Bondi/ Voto mozione sfiducia domani alle 17 in Aula Camera

Decisione dopo pressing governo-Pdl. Opposizione voleva slittasse

Bondi/ Voto mozione sfiducia domani alle 17 in Aula Camera

Roma, 25 gen. (askanews) - Si voterà domani intorno alle 17 in Aula alla Camera la mozione di sfiducia nei confronti del ministro dei Beni Culturali, Sandro Bondi, presentata sia da Pd e Idv che dal Terzo Polo. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio riunitasi questo pomeriggio. I presentatori della mozione avevano chiesto che il voto fosse spostato alla prossima settimana visto che domani saranno assenti dall'Aula i deputati che fanno parte del Consiglio d'Europa impegnato a votare un documento contro le persecuzioni dei cristiani nel mondo. Ma governo e Pdl hanno insistito per la calendarizzazione del voto nel pomeriggio di domani. Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, ha quindi stabilito che domani alle 16 inizieranno le dichiarazioni di voto sulla mozione e intorno alle 17 ci sarà il voto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Pd
Renzi a Napoli e Scampia: lontano da flash, vicino a difficoltà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina